you're reading...
il segno dei tempi

Questi sono veri criminali

Un uomo ammalato di Alzheimer, una multa da 63 euro, una procedura di esecuzione immobiliare che procede come un bulldozer, una serie di passaggi viziati da pesanti sospetti: l’aggiudicazione dell’appartamento avviene grazie ad una talpa interna alla struttura che ha effettuato il pignoramento. Tutto questo ha portato, nei giorni scorsi, un pm di Genova a chiedere il rinvio a giudizio per quattro persone. Si tratta del direttore ligure di Equitalia e dei funzionari della stessa società concessionaria del servizio di riscossione tributi. fonte

E’ degenerata la manifestazione di protesta contro la criminalità, organizzata per protestare dopo la violenza sessuale denunciata da una sedicenne nella zona della Continassa a Torino. La ragazza aveva indicato come possibili aggressori due nomadi. Lei stessa, dopo l’esplosione di violenza nel quartiere, ha smentito di essere stata aggredita: “Mi sono inventata tutto, sono stata con un ragazzo”. La manifestazione era  cominciata pacificamente, con i familiari della ragazzina in corteo con circa 500 abitanti della zona. Poco dopo, una parte dei manifestanti si è incappucciata e con mazze, bastoni, spranghe e bombe carta è andata all’assalto del campo abusivo dandogli fuoco. fonte

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

20 thoughts on “Questi sono veri criminali

  1. Circa il primo caso, che dire… spero che i 4 rinviati a giudizio, paghino caro per quello che hanno fatto….. ma ho qualche dubbio.
    Sul caso di Torino, dico solo che si sono comportari da bestie!!!

    Posted by gianluca | 11 December 2011, 00:38
  2. Agghiacciante.
    Grazie Pino, e ai giornali in genere, per il servizio di informazione su Equitalia!

    Posted by Sissi | 11 December 2011, 10:28
  3. Su equitalia rinuncio ad esprimere il mio pensiero, credo potrei rischiare la denuncia….
    Per la storiaccia di Torino mi chiedo, aldilà dei successivi terribili fatti, chi può aver instillato nella testa di una ragazzina tanto razzismo. Perché per non arrossire davanti al fratello abbia pensato ad uno stupro da parte dei rom… Quale modello culturale come comunità , scuola, genitori, e’ stato passato a questa ragazza. Quali filtri d’informazione sono stati recepiti! Insomma siamo oppure no,tutti responsabil, nessuno escluso.

    Posted by Irisilvi | 11 December 2011, 14:02
  4. Le Vallette di Torino è la classica zona della periferia di una grossa città nata per ospitare i meridionali durante il boom economico degli anni 60 – 70. Li tutto è rimasto come al paese di origine , compresa la stupida tradizione che una ragazza debba arrivare vergine la matrimonio. Insieme ai “meridionali” in quella zona ci vivono anche gli zingari, senza nessun problema fino all’altro giorno. Di fatti mi chiedevo come fosse possibile che gli zingari avessero fatto una cosa simile in quella zona. Alle Vallette c’è un patto “di amicizia” tra i rom e i calabresi. Infatti credo che “l’assalto” al campo degli zingari sia stata una ritorsione dei “clan italiani” perché si pensava che i rom avessero rotto quell’accordo che vigeva tra le due comunità. Ma alla fine , fortunatamente , la verità è venuta fuori. So che gli onesti cittadini di quella zona hanno intenzione di aiutare i rom nel ripulire e nel ripagare parte dei danni subiti. Sembra che questa storia nata dalla stupidità e dall’ignoranza si stia concludendo con un lieto fine. Speriamo bene.

    Equitalia è stata la rovina di tante persone. Un carrozzone messo su in piedi per fregare soldi alla povera gente. Tra le cartelle esattoriali di Equitalia non troverete mai i veri evasori , ma solo povera gente che non riesce più a pagare una muta o le normali spese a cui giornalmente bisogna far fronte.

    Posted by MouseOnMars | 12 December 2011, 13:11
  5. @Mouse on mars o topo di fogna.
    Questa frase: “Li tutto è rimasto come al paese di origine , compresa la stupida tradizione che una ragazza debba arrivare vergine al matrimonio.” la prendi e te la rimetti nel tuo lato B, o testa. Tanto è la stessa cosa. Idiota.

    Posted by Walter | 12 December 2011, 14:28
  6. hei stai calmo , guarda che io sono di origini calabresi , quindi non sono certo un leghista antimeridionalista. Ma è la realtà , non è colpa mia. La prossima volta ti mando aff………..

    Posted by Mouse On MarsouseOnMars | 12 December 2011, 22:44
  7. Non sai neanche la differenza tra Zingari, Sinti e Rom. Ciao caro, goditi il tuo aumento di stipendio.

    Posted by Walter | 12 December 2011, 22:59
  8. Oh!! è ritornata Cip…’sorellina’ di Cioppp!!! ;-)
    ..e logicamente so che Francesco è calabrese, e pur tuttavia critica ciò che non gli piace lo stesso!! come me!
    e se ne fanno di tutti i colori su altri fronti… che ‘tradizione’ è quella della “purezza”???
    ..la doppia morale… casomai! :-P
    prrrrrrrrrr!!!!!

    Posted by Sissi | 12 December 2011, 23:52
  9. Ecco brava, visto che fai la sua comare, vaglielo a tu dire che questa tradizione si è persa nella notte dei tempi, ma resta solo nella sua testa da aggiornare al presente.
    Anche io critico ciò che non mi piace.
    E l’ ignoranza di chi spara dabbenaggini tanto pesanti, che ci vuole la catapulta per farle arrivare a destinazione, non mi piace!

    Posted by Walter | 13 December 2011, 00:04
  10. Non è vero, è rimasta: quel caso della sedicenne infatti lo dimostra.
    Poi, seriamente, il discorso è più complesso, e come al solito andrebbe nuovamente riempito di contenuti, non di “regolette”….su una cosa così individuale e privata come questa.
    Ma tant’è.

    Posted by Sissi | 13 December 2011, 00:14
  11. Ma tant’ è cosa? La tradizione è una situazione consolidata, un fatto sporadico è tutt’ altro.
    Allora diciamo che tutti i musulmani presenti in Italia sono estremisti, che tutti i possessori di partita IVA sono evasori fiscali e tutti gli informatici sono pedofili. Ma per favore!

    Posted by Walter | 13 December 2011, 00:20
  12. No Walter, con sta storia delle generalizzazioni… ovvio che non generalizzo, ma al sud almeno finora… è vero che tendono a questa tradizione. Rispettabilissima se una/o sente così, ma basta che non fanno danni peggiori!! però!
    Vogliamo aggiungerci i..cattolici sennò? di tutto il paese senza divisioni regionali?
    Io invece mi chiedo se pure questo… può essere uno “schema”, mah…
    (e la doppia morale proprio…non ha senso).

    Posted by Sissi | 13 December 2011, 00:33
    • (anzi di tutto il paese senza “tradizioni”…regionali. O schemi…che vorrebbero rendere universali, ah ecco: schemi universali sul linguaggio internazionale! :-) Come no?

      Posted by Sissi | 13 December 2011, 00:36
  13. Aridanghete!
    Hai deciso così, te che stai a centinaia di chilometri di distanza!
    Vivi al Sud? NO! Allora non dire per sentito dire.
    Vabbè allora tutti i musulmani sono estremisti e buonanotte al secchio!

    Posted by Walter | 13 December 2011, 00:40
  14. Forse non è giusto dire “al sud”. Forse, anzi sicuro, come sempre è meglio parlare di caratteristiche…caratteriali.
    Io ti dico solo che una volta sono andata in un posto, non al sud, dove c’era uno che mi guardava..strano, con certi occhietti maligni, solo perchè ero partita da sola. Già mi immaginavo verso le 7 di sera se poco poco avessi osato prendermi un prosecco al tavolino del pianobar! me ne sono andata…
    No, certi meccanismi mentali dei “moralisti”, quelli che sentono odor di peccato lontano tre miglia – o sperano..di sentirlo più che altro – proprio non li reggo. Sono i primi…ad avere pensieri impuri… rivediti “Il Postino” la nonna della Cucinotta!
    …mentre lui le dedicava quei versi stupendi..sinceramente innamorato di lei… bello e innocente dentro!
    vabbè, buonanotte.
    (menomale che sono una donna e non mi ci hai mandato eh! non mi piacciono gli insulti… e a Francesco che è sempre carino e brillante e simpatico! se posso dirlo…oh. :-(

    Posted by Sissi | 13 December 2011, 01:00
  15. mi pare che state fuori strada… nella casa della ragazza hanno trovato lumini e immaginette sacre… probabilmente l’origine geografica non c’entra niente, ma c’entra invece la religione…

    Posted by robertoaltavilla | 13 December 2011, 01:01
  16. Roberto, infatti sì..io parlavo di religione, anche nell’altro post. (e pure qui, sopra).
    Ho usato “bottana”, ironicamente, nell’altro post, solo per fare il clichè..della “tradizione”, appunto – e Francesco ha detto che al sud c’è questa tradizione. Finora quanto meno c’è stata, apposta ricreavo il “clichè” per rendere l’idea.
    Poi Walter se la prende con le generalizzazioni… e giustamente, e infatti ho riconosciuto che è una questione… personale, e individuale, c’è niente da fare. Basta che non fanno danni…ognuno è libero di credere in ciò che vuole, questo sicuramente sì, per carità.

    Posted by Sissi | 13 December 2011, 01:15
  17. :-) Hai visto Crozza..l’ultimo venerdi? mio padre mia ha insegnato a contare fino a cinque… tutti insieme!
    “la padania farà la sua moneta”: mavà..un..due..tre..quattro…cinque! ;-) .. “per continuare a mantenere questi furfanti!”: vàf UN!-due-tre-quattro-cinque! chiul….. (sottovoce………..) :-)

    Avranno anche un loro esercito? con le magliettine verdi..contro che so, l’Asia? ah! ;)))

    Posted by Sissi | 13 December 2011, 01:24
  18. Comunque, questo è un incubo vero.
    Ho letto adesso il Corriere… non è rimasto più niente da dire…per me.
    Buonanotte a tutti.

    Posted by Sissi | 13 December 2011, 01:42

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: