you're reading...
missing, persone

Quel testimone a New Orleans

Sono passati tanti anni, ma all’improvviso la scomparsa di Ylenia è tornata prepotentemente in primo piano. Perchè in fondo la sua vicenda è sempre stata troppo misteriosa, piena di punti oscuri. La madre Romina Power e anche il fratello Yari sono convinti che sia viva.  Lunedì scorso a “La vita in diretta” ho riproposto un’intervista fatta a quei tempi al proprietario di una vineria in Charles street, Calogero Todaro, il quale sostiene di aver visto Ylenia insieme a Masakela il 16 o il 17 gennaio del 1994, cioè dieci giorni dopo l’ultimo avvistamento ufficiale, quello di Leonard Le Dale, proprietario dell’albergo dove i due risiedevano. Non è stata del resto l’unica testimonianza: a New Orleans ho trovato altre persone (un pescatore di origini croate, un imprenditore toscano e un barista, Ray) convinti di aver visto Ylenia almeno una settimana dopo il 6 gennaio. Non solo la polizia ma soprattutto il padre, Al Bano, hanno invece preso per credibile, e definitiva, la versione di Albert Cordova, guardiano dell’acquario, che avrebbe visto una ragazza bionda somigliante a Ylenia, buttarsi nel Mississipi. Una versione smentita più volte e che cozza oltretutto con una realtà drammatica: 1167 ragazze, fra cui molte bionde, sono scomparse l’anno prima a New Orleans. C’è da aggiungere che Calogero Todaro, un siciliano che conosceva bene Ylenia tanto da ricordare i suoi  gusti (“beveva sempre lattine di birra Elephant”), ha confermato la testimonianza di recente a una televisione spagnola e all’inviato di Chi l’ha visto. Mara Venier, quando ha visto la mia intervista, è rimasta di stucco. “Ma questo cambia tutto” mi ha detto a fine trasmissione “perchè non l’hanno considerata?” E oggi mi ha nuovamente citato pubblicamente. Non so dare una risposta. So soltanto che da quel momento Al Bano ha zittito tutti, infuriandosi anzi con chi metteva in dubbio le parole di quel Cordova. Mi ricordo (e l’ho ritrovato negli appunti di allora) che a fine gennaio ’94, i coniugi Carrisi che stavano a New Orleans furono contattati dalla mafia: notizia che si affrettarono a smentire, ma che adesso andrebbe chiarita. Come le difficoltà di vivere in un territorio come Cellino San Marco, definito dagli inquirenti come la “capitale della Sacra Corona Unita”. Non se ne è mai parlato per rispetto a una famiglia che ha perso una figlia e anche per non sentirsi prendere per “sciacalli”. Forse sarebbe finalmente il caso di approfondire. Il reportage

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

16 thoughts on “Quel testimone a New Orleans

  1. Vuoi dire, che Al Bano, non vuole che si cerchi la verità, perchè ha paura della criminalità? Ho capito bene?

    Posted by gianluca | 9 December 2011, 22:04
  2. Più o meno sì.

    Posted by pinoscaccia | 9 December 2011, 22:08
  3. Viene spontanea una domanda: ma il gestore della vineria, non era al corrente della scomparsa di Ylenia, quando è entrata per comperare le birre due settimane dopo che si attivavano le ricerche?
    Se la conosceva bene, la notizia della sua scomparsa doveva in qualche modo arrivargli.

    Posted by Walter | 9 December 2011, 23:12
  4. La conosceva come cliente, sapeva che era lei. Non credo che la scomparsa di Ylenia fosse di dominio pubblico. L’allarme è praticamente scattato a fine gennaio quando sono arrivati a New Orleans i genitori. Era maggiorenne, la sera del 6 gennaio è uscita regolarmente dall’albergo, poteva essere andata in qualsiasi posto.

    Posted by pinoscaccia | 10 December 2011, 11:15
  5. [OT RUSSIA] Mosca e le proteste Anti-Putin, LIVE su UStream: http://www.ustream.tv/ridus

    RUSSIA: PROTESTE ANTI-PUTIN IN 46 CITTA’, “MOSCA BLINDATA” (VIDEO – Update)

    MORE: http://bit.ly/tZFvnz

    Posted by giorgiusgam | 10 December 2011, 11:32
  6. [OT Russia – Proteste Anti-Putin]: Peter Oliver RT News Twitter: Masked nationalists chanting “Путин Вор” (Putin Theif) moving to Bolotnaya… https://twitter.com/#!/PeterGOliver_RT

    #10Дек Twitter: https://twitter.com/#!/search?q=%2310Дек

    Posted by giorgiusgam | 10 December 2011, 11:36
  7. Che si sia buttata nel fiume o sia stata fatta sparire, temo che Ylenia non abbia comunque fatto una bella fine. Restano comunque molti interrogativi sulla sua scomparsa, ed aver palesemente ignorato una testimonianza (ma forse anche più) contribuisce ad aumentare le perplessità. Mi sembra un altro di quei casi in cui qualsiasi elemento nuovo sembri aggrovigliare, più che dipanare, la matassa.

    Posted by Barbara Brunati | 10 December 2011, 12:25
  8. Non è detto. Forse è stata fatta sparire proprio per non farle fare una brutta fine.

    Posted by pinoscaccia | 10 December 2011, 12:50
  9. Pino ma se invece l’avesse fatta “sparire” ( uso un termine soft) il trombettista di colore ? non mi pare poi una ipotesi così peregrina, gli hanno trovato addosso i soldi di Ylenia!!!….che diavolo fa quest’uomo ‘ . nessuno ha voglia di interrogarlo ? possibile che si non si possa fare niente per approfondire…

    Posted by marcello | 10 December 2011, 15:07
  10. Non si può quando gli inquirenti (e i familiari) non vogliono. Masakela non è mica scappato. L’hanno fermato, è stato tre giorni in galera, ma poi l’hanno rilasciato. Li avrà convinti….

    Posted by pinoscaccia | 10 December 2011, 15:10
  11. come non vogliono ?? ma che situazione strampalata è ?…..

    Posted by marcello | 10 December 2011, 15:13
  12. Non vogliono: confermo. La polizia di New Orleans ha chiuso in fretta e furia le ricerche. La magistratura italiana ha subito archiviato la pratica di scomparsa. E Al Bano, appena uno si azzarda ad approfondire, urla “sciacalli”. Strampalata è un eufemismo.

    Posted by pinoscaccia | 10 December 2011, 15:49
  13. Ho sempre pensato che le indagini siano state molto superficiali e non capisco perchè Albano non abbia insistito e anzi si arrabbi se se ne parli!

    Posted by luciogialloreti | 10 December 2011, 19:19
  14. Appunto.

    Posted by pinoscaccia | 10 December 2011, 19:23
  15. Ylenia è stata fatta sparire altrimenti poteva essere uccisa.Con quello che stava scrivendo ,e su quello che stava indagando…

    Posted by roberto fiasconaro | 1 March 2014, 08:52

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: