you're reading...
africa

Se uccidono anche gli angeli

E’ stata ferita alle mani ma non è in pericolo di vita suor Carla Brianza, la suora bresciana che da anni dedica la sua vita agli ultimi, in questo caso bimbi orfani e ammalati del Burundi. Suor Carla (per anni responsabile della Poliambulanza di Lumezzane) delle Ancelle della Carità, è stata ferita ieri sera da un colpo d’arma da fuoco durante un raid di malviventi all’interno della missione di Kiremba, in Burundi. Nello stesso attacco hanno perso la vita una suora di origini croate (suor Lucrezia Manic) e un volontario veronese (Francesco Bazzani) dellla cooperativa Ascom di Legnago. segue

Quelle suore che ho conosciuto a Mogadiscio

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

14 thoughts on “Se uccidono anche gli angeli

  1. Non so dove ho letto questa cinica verissima frase “Nessuna buona azione verrà perdonata” –
    Sembra che nel mondo ciò che è buono, utile, civile, unificante debba perire perchè odio, barbarie guerra possano trionfare.
    Queste due suore non sono vittime causali, avevano un cuore da eroe per la scelta che avevano fatto. Grazie del post

    mi sono espressa male: volontari, non solo “suore”.

    Posted by mcc43 | 28 November 2011, 11:39
  2. Già…. che grande verità che hai detto! che dito nella piaga….
    Questa è un’altra cosa che sfugge (forse) ai più, ma quanto è irritante la Bellezza…. per chi è refrattario, d’animo.
    Uh, ci sarebbe da scrivere un romanzo. (e proprio nella vita di tutti i giorni. Hanno bisogno delle “regolette”…. per non dare adito al loro animo reale..incline solo a distruggere l’altro, per vantaggio quando va bene… perchè quel che è peggio è che molto spesso è proprio d’indole).

    Posted by Sissi | 28 November 2011, 11:49
  3. l’umanità sta sempre più sprofondando nella follia… i freni inibitori, quelli che dovrebbero permettere a chiunque di fermarsi davanti alla consapevolezza di un atto atroce, sono pressoché consumati… stiamo tornando progressivamente all’indietro verso la barbarie e l’unica forza che ci rimane per vivere è orientata l’annientamento di valori, ideali e motivazioni sane di quei pochi “simili” che ci provano ancora ma che forse sono paradossalmente ” fuori dalla tendenza comune” …

    Posted by marcello | 28 November 2011, 12:02
  4. L’ orrore. Quello che gela il sangue.
    Che pensavano di trovare in un ospedale africano questi balordi? Lingotti d’ oro, un cavaeu con quintali di soldi? Maledetti!

    Posted by Walter | 28 November 2011, 12:36
  5. Purtroppo da certe parti anche un condizionatore d’aria può essere prezioso.

    Posted by pinoscaccia | 28 November 2011, 12:37
  6. Altre persone che hanno dato la vita per il bene del prossimo. Ogni volta è un colpo al cuore leggere queste notizie

    Posted by Patrizia M. | 28 November 2011, 15:31
  7. stamattina al gr, hanno detto, ma credo fossero ancora le prime notizie, che sarebbero stati dei Tutzi o degli Hutu, ora non ricordo, contrari agli accordi di pace….
    Comunque ogni volta che sento notizie simili, ricevo un pugno nello stomaco. Gente che fa del bene, che cerca di riparare i danni fatti da noi civili occidentali in quelle zone, non deve essere toccata!!!!!

    Posted by gianluca | 28 November 2011, 15:42
  8. Angeli

    Sono angeli
    vestiti di bianco.
    Sono caduti dal cielo
    per purificare la terra.

    Sono angeli
    dalle grandi ali.
    Amano e si sacrificano
    per chi soffre.

    Sono angeli
    che non si stancano mai.
    Donano la loro vita
    per il bene degli altri.

    Sono Angeli grandissimi
    ma sono ancora pochi.
    Aiutiamoli a sollevare
    le pene dei più deboli.

    franca bassi

    Posted by ceglie | 28 November 2011, 15:48
  9. Nulla e nessuno viene ormai risparmiato in tante parti , specie in queste, del mondo ! Ma la miseria e la povertà sono le principali molle propulsive!

    Posted by luciogialloreti | 28 November 2011, 19:21
  10. Sapete che ha quest’epoca di molto particolare? oltretutto?
    che il cosiddetto “bivio” si stringe sempre di più: o di qua o di là, non ci sono più vie di mezzo.
    Per tutti i miti, come me, di quelli che non creano sicuramente problemi in giro, ma altrettanto sicuramente rifiutano rotture di c…..ni – peccato che non posso scriverlo per esteso perchè le parolacce saranno pure parolacce ma quanto rendono l’idea….! sono liberatorie, proprio; quindi immaginatelo scritto a caratteri cubitali invece – e, dicevo: sono tempi duri.
    Non è permessa la mitezza di carattere – come la Bellezza di cui sopra, di quelle splendide persone che donano se stesse e Amore…nient’altro che Amore… in un enorme sacrificio di sè anzi Sacri-ficio… – e vengono brutalizzate dalla cattiveria, non povertà, dalla crudeltà.
    “Nessuna buona azione verrà perdonata”… rende drammaticamente l’idea più di mille parole.
    Questa è la perversione assoluta in cui siamo precipitati.

    “La società perdona spesso il delinquente, ma non perdona mai il sognatore”, scriveva Oscar Wilde.
    “Il sognatore è colui che trova se stesso con la luce della luna…ma il suo destino è di vedere l’alba prima degli altri”.

    Quanti dolci sognatori nel mondo… innocenti e belli, devono ancora offrire il sacrificio di sè alla bruttezza?…..
    questo mi domando: Quand’è… che la Bellezza salverà veramente il mondo.

    Posted by Sissi | 29 November 2011, 14:07
  11. …e questa la dedico a tutti loro. Agli Angeli…di qualsiasi parte del mondo, di qualsiasi razza, mestiere, esperienza, destino, evoluzione…

    Posted by Sissi | 29 November 2011, 14:16
  12. Sono angeli che per vocazione religiosa (come le due religiose) o umana (come il volontario) hanno scelto di dedicare la vita agli altri, agli ultimi, ma l’odio non guarda in faccia a nessuno e miete le sue vittime soprattutto tra chi ha scelto di portare amore anziché morte in aree dove la morte già la fa da padrona con denutrizione e malattia.
    i lupi cesseranno mai di uccidere gli agnelli?

    Posted by barbara brunati | 29 November 2011, 21:06
  13. E’ la solita vecchia storia… basta una persona per distruggere tutto, non bastano tante persone per cambiare il mondo…
    Però nonostante questo, c’è chi non si stanca mai di stare dalla parte del Bene, quello con la B maiuscola, a scapito di tutto, anche della loro vita.
    Anzi, spesso per queste persone, morire è il male minore.
    Non finirei mai di ringraziarle per tutto quello che fanno (silenziosamente) nel mondo.
    E noi non parliamo mai di loro, ci ritroviamo a parlarne solo in queste meste occasioni. Che tristezza…

    Posted by Siv | 1 December 2011, 14:35
  14. A fine novembre il fattaccio ed oggi si ha la notizia che la giustizia del Burundidi ha comminato due ergastoli agli omicidi. Cribbbbbbbbio che velocità. E’ vero che i processi troppo veloci talvolta possono creare ingiustizie ma la giustizia del Burundi se confrontata, per velocità, a quella italiana è fa formula 1.

    Posted by barbaincampagna | 3 December 2011, 10:32

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: