you're reading...
tribù

11.11.11

Come si fa a parlare dell’undici? È un numero primo, tra le cifre simboliche è indicato come «la dozzina del diavolo» e chi la sa lunga sui significati di questa delicata disciplina, dedotta dai pitagorici, assicura che dopo il 10 la sfortuna si accanisce. Altri, però, lo considerano simbolo di rinascita. Dopo quel 10 saccente e pieno, finalmente le carte si rimescolano. Domani, neanche a farlo apposta, sarà l’11/11/11 e, fatale combinazione, alle 11, 11 minuti e 11 secondi si creerà il più lungo palindromo con l’1. Già, palindromo. Vale a dire una sequenza di caratteri che, letta a rovescio, rimane identica (dal greco palin, indietro, e drómos , corsa). La storia non vi convince? Chi scrive è leggermente preoccupato e non vorrebbe trovarsi alle 11, 11, 11 in un luogo sgradevole o con problemi in corso. Parafrasando Benedetto Croce, val sempre la pena ricordare che tali congetture non esistono, ma è bene tenerne conto. segue  Ormai ci siamo. Io ve l’ho detto, poi fate un pò come vi pare… (ma non date la colpa ai numeri). Tanto, peggio di così.

La notizia è che non ci sono notizie. Insomma passato, tutto a posto (almeno credo).

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

32 thoughts on “11.11.11

  1. Per me solo… +58… grazie Pino :)

    Posted by marco stefano vitiello | 11 November 2011, 01:10
  2. Ehhhhhhhh sei giovane ;)))

    Posted by pinoscaccia | 11 November 2011, 01:10
  3. mi consigli di chiamare il caporimessa e dirgli che ho la bua al pancino?

    Posted by gianluca | 11 November 2011, 01:45
  4. Pensaci… magari è scappato lui ;)))

    Posted by pinoscaccia | 11 November 2011, 01:48
  5. Semo boni senno li nummeri…

    ER PALLOTTOLIERE E LI FOLLETTI

    ner macchione gìreno
    folletti dispettosi…
    ‘sti folletti so’ quelli che a scola
    nun je piaceva conta’…
    se so’ niscosti ner macchione
    de Fiori de Broccoli
    e quanno la luna è piena
    piano piano sòrteno fora…

    sàrteno rìdeno e spòsteno
    le palline der pallottoliere
    vabbe’, avemo capito
    che quarchiduno derèto le fronne
    se divertiva a giocherella’
    co li nummeri…
    quarcuno se divertiva
    a giocherella’ co li nummeri…

    mo a noantri che ce frega
    se li nummeri fanno l’artalena
    a ‘sti folletti dispettosi
    che nun sapeno conta’
    je regalamo er pallottoliere
    co le palline colorate
    fusse la vorta bona
    che se impareno a conta’ !

    franca bassi

    Posted by ceglie | 11 November 2011, 08:01
  6. Me dispiace Gabbià :( pe’ la musica nun ce riesco a mettela, fa listesso ;)

    Posted by ceglie | 11 November 2011, 08:14
  7. Io non credo al numeri, al diavolo ed ammeniccolio vari. Se si tratta di scherzarci su, allora sono pronto ma da qui a prendere sul serio una sequenza di numeri ce ne vuole. E poi come la mettiamo con quello che l’11.11.11 alle 11 e 11 scopre di aver vinto, che sò io, il superenalotto o di essersi salvato da qualche disgrazia?

    Posted by Barba | 11 November 2011, 09:40
  8. Veramente il giorno di oggi non è ancora finito, anzi.
    Ma una cosa gli dico A CHI HA MESSO IN GIRO sta roba dell’ 11 11:
    non bastavano tutti i casini e lo schifo che ci si propina e dipana ogni giorno che passa in terra?
    Pure sta menata ci voleva?
    Ma vai a cagare!

    Posted by Walter | 11 November 2011, 12:06
  9. Walter stiamo veramente giocando, ma onestamente non è che c’è qualcuno che mette in giro sta roba. E’ reale, cioè un fatto. Una concomitanza numerica che non capiterà mai più. Nessuno ci crede seriamente, ma non è che non è successo.

    Posted by pinoscaccia | 11 November 2011, 12:34
  10. Si, si gioca con queste coincidenze, ma purtroppo c’ è gente che ci crede fermamente e ne fa una filosofia di vita, con tutte le conseguenze negative che comporta.

    Posted by Walter | 11 November 2011, 13:26
  11. 11 11 11 e dintorni…..in questi giorni nel mio giardino si è presentato un “gatto nero” Eolo, (quel giorno tirava un gran vento!!)…affamatissimo e gran rompicoglioni ma, alla faccia della superstizione, abbiamo deciso di accudirci a vicenda…LUI MI ALLONTANA IL MALOCCHIO!!!, IO GLI ALLONTANO LA FAME !!!

    Posted by marcello | 11 November 2011, 14:52
  12. OT – vorrei ricordare che domani sono trascorsi cinquant’anni dall’ecidio di Kindu. Tredici aviatori italiani in missione onu furono barbaramente trucidati e fu fatto scempio dei loro corpi

    Posted by Barba | 11 November 2011, 21:15
  13. 12 11 11 … Sbagliata la data di ieri… basta vedere quello che sta succedendo fuori dal Quirinale.

    RAINEWS 24 LIVE: http://bit.ly/tVDwV1

    Posted by giorgiusgam | 12 November 2011, 21:06
  14. Hai ragione Pino, la numerologia talvolta inquieta, ma se il mondo va a rotoli non diamo la colpa ai numeri.Ne abbiamo già dati troppi :-) Comunque ieri a me non è successo nulla.Adesso aspetto il dicembre del 2012 e vivo intensamente qualora il mondo decidesse di finire quel giorno.Non si s amai….

    Posted by Barbara Brunati | 13 November 2011, 17:11
  15. “11.11.11” in Spagna: Madrid e dintorni, tra la crisi economica che mette tuttora in gnocchio la società moderna spagnola e quelle “strane”, continue, “visite” dalle finestre delle palazzine urbane… Di sicuro, un qualche sconosciuto “italieno” pugliese s’inventerà, tra non molto, tal già citato tergicristallo a spruzzo per vetrate, anti globuli luminosi… :-D

    MORE: http://bit.ly/v55Jt3

    Posted by giorgiusgam | 15 November 2011, 15:12
  16. questo è solo un Ot … (cancellabile..) visto che l’asteroide ci ha risparmiato, l’11.11.11 pure, un perfetto equilibrio delle sfere..ancora ha comprensione per la nostra…’immaturità’, e allora… cosa c’è di più bello di..champagne… di Peppino di Capri? nostalgia…

    Posted by Sissi | 16 November 2011, 20:01
  17. Per i vinvitori, periamo che si ricordano di chi muore per un po’ di pane.Un caro saluto e serena domenica

    Posted by ceglie | 18 November 2011, 14:08
  18. mammmamiaaa… e ti credo “gli si gela il sangue”!! :-)
    ecco..ora se fossi lui (un ex operaio è la favola!!!) vorrei solo viaggiare viaggiare viaggiare andare in giro per tutto il mondo! – oltre alla beneficenza naturalmente! e poi aprirei un’attività… a malibù, con una bellissima casa sulla spiaggia!
    In bocca al lupo al Fortunato!!! ;-)

    Posted by Sissi | 18 November 2011, 14:18
  19. Malibù fa schifo. Meglio Miami beach.

    Posted by pinoscaccia | 18 November 2011, 14:21
  20. ah sì?! allora Miami Beach!!! – sì però a Miami…ce l’hanno con i turisti, meglio di no. Allora Los Angeles… dove c’è sempre il sole, sulle colline di Hollywood e magari potrebbe investire anche in un film! e con ruolo da protagonista! ;-)

    Posted by Sissi | 18 November 2011, 14:24
  21. …ma dopo aver viaggiato prima, in tutto il mondo, e..sai quando vedi una località paradisiaca di cui t’innamori… dici: qua! mi fermo qua. Anche in India mi sembra…vedevo un reportage tempo fa, ci sono dei luoghi incontaminati con certi tramonti….. il paradiso terrestre.

    (allora due case, due, di cui una in america così frequenta l’Actors Studio. E insieme un’attività commerciale per investimento. (??) mi sembra perfetto.

    Posted by Sissi | 18 November 2011, 14:31
  22. Uhm…sì… il fatto è che prima o poi ti annoieresti là. Credo.
    ma sicuramente il mondo è tutto…meraviglioso (prima che lo distruggessimo noi)

    Posted by Sissi | 18 November 2011, 15:11
  23. ;-) no ma la noia no. Il dolce far niente dici tu… ma anche quello dopo un po’…
    io credo nel lavoro svolto con passione. Sennò ci si annoia. Tu immagina girare tra gli studios e recitare o scrivere film. Oppure aprire un locale notturno di lusso, o una boutique…a New York. Oppure mettersi in team con dei bravi Medici, quelli veri (io ce li ho) e andare in India a costruire centri di cura e sopravvivenza, o in altre aree di estrema povertà… e portargli la luce! villaggi turistici per dare lavoro a tutti gli stranieri che sbarcano qua… e italiani senza lavoro. Insomma… si potrebbe cambiare quasi il mondo! o sfanc…..rlo definitivamente…le famose vie di mezzo, vero! ;-) (?)

    Posted by Sissi | 18 November 2011, 15:25
  24. Tutti quelli che hanno vinto grandi somme e hanno smesso di lavorare sono finiti in disgrazia. Tutti. Si dice l’ozio è il padre dei vizi, ed è vero. Pure fatti non foste a viver come bruti… Viaggi e vacanze per qualche tempo sì, ma poi… Lavoro!! di quelli belli appassionanti… rimettendosi a studiare da capo, insomma ricominciando..un’altra vita! aprire un’attività anche creando una linea di abbigliamento? (vabbè io ragiono da donna… quello è un uomo mi sa che non gliene frega niente dei vestiti). Gallerie d’arte… di quelle con le pareti tutte di vetro e mostre di calibro mondiale. (e dipingere anche nel contempo). Insomma io ho sempre creduto nel non fermarsi mai e non invecchiare mai! Gli artisti, facci caso, dimostrano sempre meno dei loro anni: perchè vivono di creatività!! e insieme una vita completamente sfasata! che mantiene giovani dentro, e quindi pure fuori, senza pesantezze! perchè rinnovano di continuo le…Sensazioni! capito? così… tutta la vita.
    Dai sogna anche tu? che faresti tu? e voi?

    Posted by Sissi | 18 November 2011, 15:33
  25. In questo periodo …non ce la faccio a sognare…mi dispiace ,ma mi piace sapere che c’è chi lo fa,pure per me e per questo ti ringrazio.

    Posted by irisilvi | 18 November 2011, 15:52
  26. uhm…sì meglio concentrarsi sulle cose concrete va.
    (che poi sono sogni…vabbè, ma qualcosa di sbagliato in tutto quel di cui sopra c’è mi sa. Perchè parte dal presupposto…che per fare le cose servano sempre un mucchio di soldi. Invece la vera creatività.. parte da dentro, è inutile. Ed è anche farcela lo stesso… ad evolvere e realizzarsi…pure senza soldi. Lavorando su di sè, di continuo, il che logicamente è molto più faticoso ;-) però è anche moltissimo..democratico! perciò in bocca al lupo a tutti! bye)

    Posted by Sissi | 18 November 2011, 16:02

  27. Le solite “pappole” della rete… :-D

    Posted by giorgiusgam | 24 November 2011, 13:01

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: