you're reading...
reporter

E’ la stampa, bellezza

Giornalisti insultati come ‘rompicoglioni’, ‘mentecatti’, ‘terroristi’. Minacciati di botte dal ministro Bossi. Schiacciati dal ministro La Russa. Lasciati sistematicamente senza risposte, a partire da Berlusconi per arrivare al sindaco di Roma Alemanno. Ecco come la politica attacca e fugge l’informazione.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

59 thoughts on “E’ la stampa, bellezza

  1. Centro… questo è il clima.
    Evviva la libertà.

    Posted by Sissi | 4 November 2011, 14:35
  2. Certo, per amore di obiettività sempre, c’è pure da dire che ormai si naviga in acque poco chiare. Tra giornalismi faziosi e a volte da strapazzo, nessuno che si mette più in discussione, magistrature in politica, e tutto che diventa solo strumentale… poi che ti aspetti. Ovvio che a rimetterci sia proprio il dialogo. E in un momento come questo poi, in cui di una coesione a larghe intese…ce ne sarebbe invece un gran bisogno.

    Posted by Sissi | 4 November 2011, 14:55
  3. Anche voi però!!! Volete fare domande che rispecchiano la vita reale!!!!
    Magari anche domande scomode!
    Mica si fa così, bisogna essere flessibili (secondo i nostri cari politici)

    Posted by gianluca | 4 November 2011, 15:11
  4. ti sei perso Straquadanio.

    Posted by madamepina | 4 November 2011, 15:42
  5. Che vergogna. Non ci sono veramente più parole… punto.

    Posted by Sissi | 4 November 2011, 16:53
  6. .. non tutti, pensa a come è stata osannata quella giornalista americana con l’elemetto su un blindato insieme agli alqaedisti liberatori di Tripoli. Ce ne sono di tre tipi: gli embedded, gli insultati in patria, i desaparecidi o decisamente muertos all’estero. Dal che si deduce che ci vuole l’aiuto divino per poter fare onestamente il proprio lavoro….

    Posted by mcc43 | 4 November 2011, 17:55
  7. E non è finita qui, ecco l’ultima perla

    Posted by pinoscaccia | 4 November 2011, 18:04
  8. Straquadanio? Fulgido esempio di ……

    Posted by Barba | 5 November 2011, 09:35
  9. Pino si sa, voi giornalisti siete dei gran rompicoglioni…ma fatevi un pò gli affari vostri!!! Al massimo vi concederei qualche notizia sulla gravidanza di Belen….

    Posted by marcello | 5 November 2011, 11:46
  10. E’ stato già calcolato che la “gravidanza” di Belen vale un milione di euro… E’ la pubblicità, bellezza, altro che stampa!

    Posted by pinoscaccia | 5 November 2011, 11:49
  11. Lo so.
    Io sogno un mondo in cui un paio di cronisti forzuti prendono a sberle quelle facce beatamente sorridenti intorno a Bossi quando fa il cattivo. Guardate che spettacolo.

    Posted by pinoscaccia | 5 November 2011, 11:55
  12. ca… !!! sembra un gerarca fascista…ma come si può fare….mah!!

    Posted by marcello | 5 November 2011, 12:00
  13. Lui è patetico, ma vi prego di fare attenzione alle facce di chi lo circonda. Specie dell’inseparabile pasionaria a destra, così mediterranea da sembrare un’infiltrata in terra padana… Ma quanto si diverte! E la Brambillona dietro? E Calderoli, quello degli scherzi? L’ultimo gli è riuscito proprio bene: in Libia lo hanno preso sul serio…

    Posted by pinoscaccia | 5 November 2011, 12:09
  14. Spero,anzi credo,tu non voglia salvare tutta la categoria….

    Posted by irisilvi | 5 November 2011, 12:19
    • Assolutamente no, ma la violenza, anche quella verbale, non è mai concepibile. La degenerazione della stampa è grave e preoccupante ma discende direttamente da quella della politica. Mai è stato raggiunto un livello così becero. Ministri che usano certi linguaggi sarebbero da prendere, loro sì, a calci. Come si usa con i cialtroni.

      Spero, anzi credo, che tu non voglia difendere tutta la categoria dei politici.

      Posted by pinoscaccia | 5 November 2011, 12:28
      • Infatti il bello è che poi sono preoccupati per la violenza verbale in giro…no (Sacconi).
        sono proprio elementi da circo su.

        Posted by Sissi | 5 November 2011, 12:32
      • Not in my name ,ma sono stati votati i cialtroni.

        Posted by irisilvi | 5 November 2011, 12:39
        • …not in my name..toooo!! ;)))

          Posted by Sissi | 5 November 2011, 12:43
        • A chi non li ha votati almeno la possibilità di ricordare che sono cialtroni.

          Posted by pinoscaccia | 5 November 2011, 12:54
          • Si parlava anche di giornalisti e qualcuno non era nemmeno candidato ma continua a far politica come se stesse perdendo lo scragno sotto il lato b. Ripeto se qualcuno ancora non lo avesse capito che io con questi signori non ho nulla a che vedere ,per stile ed ideologia.

            Posted by irisilvi | 5 November 2011, 13:14
          • Lo sappiamo. Ma non è vero che si parlava di giornalisti, si parlava soprattutto di politici (che non sopportano i giornalisti). Ormai si usa un linguaggio da uomini (e donne) delle caverne. Ministri che si rimbalzano gli insulti, le pernacchie come dichiarazione di intenti, minacce fisiche un giorno sì e l’altro pure. Non era mai successo. E’ insopportabile. Io faccio un discorso generale, se poi hai in testa qualcuno in particolare basta dirlo.

            Posted by pinoscaccia | 5 November 2011, 13:20
  15. tutti a ridere,….. che vergogna . Lui Irriconoscibile !!!! Se non lo sentivo parlare non l’avrei riconosciuto. Mah ora è diventato cieco ?? con chi è stato ultimamente ???

    Posted by madamepina | 5 November 2011, 12:23
  16. eccone un altro tiè

    Posted by madamepina | 5 November 2011, 12:38
  17. @pinoscaccia:
    Non vorrei mai dimenticare qualcuno….da destra a sinistra ,lo dico con grande tristezza .Sono una di quelle persone che hanno sempre pensato allla vostra professione come importantissima, sacra.I fatti non sempre danno ragione purtroppo.
    I politici sono mestieranti al soldo di chi ha il potere temporaneo ,per questo li disprezzo profondamente.

    Posted by irisilvi | 5 November 2011, 13:53
    • In un paese dove non esiste il rispetto della persona, dove non esiste meritocrazia, dove si portano le pensioni a 67 anni, dove le nuove generazioni sono state incantate da bisogni inesistenti e dove difficilmente si trova lavoro se non nei call center, In un paese dove si incita all’odio anzichè a una comunione di intenti come farebbe un popolo anche se “unito”da solo 150 , siamo tutti sottoposti al potere dei soldi, anche solo per poter vivere. Siamo tutti mestieranti, anzi “mercenari”. Altrimenti te n e d e v i a n d a r e..
      E chi sta al potere questo lo sa bene.

      Posted by madamepina | 5 November 2011, 14:25
  18. Io invece ritenendo tutto o quasi dei “puttani” ormai in tema di soldi (nella vita intendo, e in tutte le professioni), non è tanto “lo stare al soldo di” che mi disturba, nel senso che appunto sarebbe un discorso a parte.
    Non mi piace la politica, e i politicanti, perchè è bora.
    Tolti gli statisti illuminati, il nostro Napolitano è un esempio raro rimasto, le politihce, tutte, portano avanti in realtà gli egoismi. Di una parte e dell’altra. Con questa violenza poi, di linguaggio e di fatto, neanche si dice buongiorno e buonasera.
    (e non chiedessero alla gente onesta di votare, per favore).

    Posted by Sissi | 5 November 2011, 14:06
  19. (le politiche… mi esce male pure la parola)

    Posted by Sissi | 5 November 2011, 14:07
  20. Questi cialtroni però, se nessuno li invitasse in quelle trasmissioni di attualità dell’ orrido, avrebbero meno possibilità di esternare la loro cialtronaggine.
    E la gente questi cialtroni li guarda bene incollati alla TV. Troppo spazio gli si concede. Sono alla fine solo dei politici,
    dove politici, non è inteso nel senso nobile e quindi storico del termine.
    Se è acclarato che si esprimono solo ad insulti, esaltazioni dell’ ovvio e divagazioni sul nulla perché i Giornalisti li intervistano?
    Ma chi legge più la pagina politica? Credo siano rimasti in pochi.

    Posted by Walter | 5 November 2011, 14:10
  21. Non mi piaccione le trasmissioni tipo Ballarò, Anno Zero. …….. proprio per le ragioni che ha esposto sopra Walter.

    Posted by madamepina | 5 November 2011, 14:26
  22. Vuoto.Un vuoto …vuoto

    Posted by franca | 5 November 2011, 14:31
  23. Beh, se la politica già è una casta non è che può diventare pure una setta….
    il giornalismo, compreso quello serio d’inchiesta, ovviamente si occuperà anche di politica e di far diffondere le loro ‘idee’ – con le mie scuse alle idee, Platone;))

    Posted by Sissi | 5 November 2011, 14:33
  24. In questo momento non sono daccordo con Platone per chè le idee …loro. le conosciamo bene;) o no????
    Hai bisogno di altre spiegazioni Sissi ;)

    Posted by madamepina | 5 November 2011, 14:39
  25. Scusa Sissi, ma di politica io sento parlare solo di questo: Bunga Bunga, Premier indagato, case abitate da Ministri a spiccioli e non sanno chi la paga. senatori indagati, onorevoli inquisiti, insulti bipartisan per parcondicio, risse in aula, trasmissioni stracolme con tanto di fila di maggioranze e opposizioni per discutere sui vini o la nuova moda invernale, gestacci.
    Sembra politica questa?

    Posted by Walter | 5 November 2011, 14:40
    • Walter,bei tempi.quando sbadigliando mi sorbivo gli interminabili dibattiti dei nostri “politici”

      Posted by franca | 5 November 2011, 14:47
    • Rispondo pure io Walter in fretta ,abbi pazienza….no non mi sembra politica ,non mi piace che la politica ,come ribadito sopra,debba diventare mestiere e quindi soggetta a condizionamenti e ricatti.Ognuno di noi ,attraverso il proprio lavoro deve portare pazienza e gia’ questo non comporta perdita di identita’ o dignita’:certo piu’ hai valore piu’ puoi decidere….ma finchè tu sei alle dipendenze di qualcuno e se questo qualcuno è il reggente di turno che ipoteca la tua vita altro che risse ed escort avremo….

      Posted by irisilvi | 5 November 2011, 14:50
    • @ Walter
      E perché , con i media e giornalisti che ci ritroviamo tu pensi che veramente si possa parlare seriamente di politica.
      E poi per un dibattito serio ci vorrebbero anche dei politici seri. Se metti un gruppo di “ultras” intorno un tavolo quello che ottieni è la rissa. Perfetto per non far capire niente ai cittadini. ;)

      Posted by MouseOnMars | 5 November 2011, 16:12
      • Già….;))
        (e Mentana che ha dovuto andarsene per aver preferito un caso drammatico come Englaro, nel giorno della sua morte…al Grande Fratello).

        Posted by Sissi | 5 November 2011, 16:26
      • Guarda Francesco… per come sono messe le cose oggi, ci si può accontentare di politici e basta. E’ già tanto. Se li si vuole pure seri, si pecca di presunzione e illusionismo.
        Ma quelli non sono politici.
        Ecco perché, se i Giornalisti non vogliono fare brutta fine, è meglio che preparino di comune accordo, come avviene in quel di Vespa, domandine e rispostine. Altrimenti gli tocca prendersi insulti, da gente che non si regge in piedi, ma fa patetiche minacce; senza fare nomi (Umberto Bossi in prima fila).

        Posted by Walter | 5 November 2011, 16:29
      • Francesco nemmeno io so fare un serio discorso sulla politica ,sempre che ora come ora ,si possa definire “argomento degno di attenzione”.Certo che osservo e come cittadina ,eufemismo, vorrei che la parola assumesse forma,anzi non “vorrei” mi piacerebbe…Per carita’ non è che mi senta al pari di certi giornalisti o politici,per fortuna mia….
        Pero’ ,almeno fino alla scorsa legislatura,ho votato,con il porcellum ma ho dato la mia adesione.Mi piacerebbe che alcuni se ne stessero piu’ sul territorio per controllare pure se qualche disastro si possa evitare.quanti condoni abbaimo sulla coscienza che possono aver causato tutto sto disastro? quanti altri morti per colpa di scelte scellerate?un condono edilizio ti salva la vita?
        Mi piacerebbe che il mio votato di fiducia si facesse il culo per la propria appartenenza, che non siglasse un contratto con il partito ma con e per il cittadino e che parlasse “pulito” ,chiaro, acessibile! Quanti scilipoti e mastella ,solo per fare un paio di nomi,potremo sopportare ancora?perchè se bossi fa il dito,è sguaiato ,fa schifo nel modo e nella sostanza,di questi signori cosa si potrebbe dire?

        Posted by irisilvi | 5 November 2011, 18:32
  26. ci ho dovuto riflettere ma ho capito! ;)))
    (ma le scuse a Platone erano per averle definite “idee”… – le loro :)))

    Posted by Sissi | 5 November 2011, 14:43
  27. Certo che no Walter!!
    mi pareva di aver espresso un graffiante disprezzo… :((( o vi siete talmente assuefatti a linguaggi truculenti da non averlo colto? ;)))

    Posted by Sissi | 5 November 2011, 14:45
  28. Vedete che torna la questione morale. Viviamo nell’epoca delle specializzazioni sempre più sottili, sempre più specifiche nel particolarismo; e come si fa a fidarsi, ci si chiede, quando non è il tuo mestiere e non ne capisci assolutamente nulla? dalla valutazione morale…..della persona in questione. Solo così ci si può ‘affidare’ o meno.

    @Silvi la finanza tiene la politica per le palle…ma di chi è la colpa se non dei politici stessi, senza idee, e perfino della gente comune in cui l’agire economico ha preso il sopravvento su ogni altra cosa? questo è. (secondo me).

    Posted by Sissi | 5 November 2011, 15:01
  29. (cioè: dalla valutazione della moralità…dell'”esperto” in questione).

    Posted by Sissi | 5 November 2011, 15:04
  30. Guarda caso la “questione morale” viene sollevata dagli stessi che fanno mozioni in aula, su chi deve e chi no andare in galera.
    Non sanno nemmeno cos’ è il Darfur, il primo Articolo della Costituzione Italiana, nemmeno quanto costa un chilo di pane o un litro di “senza piombo”. E non gliene frega proprio un bel niente, questo è che fa rabbia.
    Figuriamoci se si fanno scrupoli a mandare dove non batte il sole un Giornalista che “infastidisce”, come fosse un Paolini qualunque.

    Posted by Walter | 5 November 2011, 15:13
  31. Giornalisti insultati come ‘rompicoglioni’, ‘mentecatti’, ‘terroristi’. Minacciati di botte dal ministro Bossi. Schiacciati dal ministro La Russa.

    Intanto i primi a difendere questi maiali di politici sono proprio i giornalisti. Dov’è la coerenza. Anche i giornalisti difendono la loro “poltrona”. Sono la casta nella casta.

    Posted by MouseOnMars | 5 November 2011, 16:28
    • appunto, “mercenari” per soldi Non solo ma possono pure parlare…. e noi ????

      Posted by madamepina | 5 November 2011, 17:24
    • Ci sono giornalisti e giornalisti. Non tutti i giornalisti seguono la politica.Ci sono quelli sportivi, quelli dello spettacolo.
      E ci sono i cronisti. Come me. I cronisti non sono una casta. Anche Enzo Biagi si definiva un cronista: sembrava un vezzo, invece era una maniera di distinguere.

      Posted by pinoscaccia | 5 November 2011, 18:06
  32. Alcuni…dipende se il giornalismo è serio oppure no.
    Pino, Michele Serra…Bocca, e poi non mi ricordo i nomi :((( sono tra i seri che non fanno politica.
    (però sono d’accordo che ci sono anche tanti “zar”, dove per far carriera serve un certo.. carattere…ecc.ecc.).
    E poi già nel secondo commento di ieri…dicevo come ormai è tutto strumentale e.. mi fermo qua.

    Posted by Sissi | 5 November 2011, 16:42
  33. ci mancava questo

    Posted by madamepina | 5 November 2011, 17:59
  34. Io ragiono terra terra; ma chi interessa questo parlamentare, credo che alla maggioranza dei telespettatori non interessi.; La politica è un calderone, dove tutti remano..insieme, le polemiche, teatro leggero..

    Posted by Giovanni Farzati | 7 November 2011, 17:23
  35. Mi sembra che queste riflessioni stiano dentro l’argomento. Credo che come in tutte le profressioni siano state innervate da una convinzione di facilità, ma trattare la relatà è tutt’altro che facile. Ne va del far ammattire un’opinione pubblica, e se si va sui luoghi dei fatti rischiare la vita, mettere altri nei guai …((Quelli che sanno vedere-capire e far capire non bisogna lasciarli andare in pensione :) )ù

    http://www.amedeoricucci.it/giornalismo-anelli-e-fandonie/

    Posted by mcc43 | 9 November 2011, 09:38

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: