you're reading...
pena di morte

No alla pena di morte

Stop alle esecuzioni capitali. In occasione della nona giornata mondiale contro la pena di morte, le attiviste e gli attivisti di Amnesty international di ogni parte del mondo si mobilitano per porre l’attenzione, in particolare, sulla Bielorussia, unico paese europeo e dell’ex Unione sovietica che ancora applica la pena capitale. Nel 2010, Amnesty International ha registrato migliaia di esecuzioni in 23 Paesi. Alla fine dello scorso anno, i condannati a morte in attesa d’esecuzione erano almeno 17.800. Solo poche settimane fa, l’ultimo caso a far discutere negli Stati Uniti è stato quello di Troy Davis, giustiziato dopo una lunga serie di rinvii e sospensioni e divenuto l’ennesimo simbolo, in America e non solo, della lotta contro la pena di morte.  Il rapporto 2011 di Amnesty

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

2 thoughts on “No alla pena di morte

  1. Personalmente, credo che questo articolo non necessita di nessun commento.
    No alla pena di morte. Punto.
    Che poi sono 17.800 oppure due o tre, sempre troppe sono. Il titolo dovrebbe diventare un assolutismo mondiale. E sarebbe proprio ora.

    Posted by Walter | 12 October 2011, 22:20

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: