you're reading...
mafia, reporter

Ecco i verbali (sequestrati) di Totò Riina

Sequestro… preventivo (dodici ore dopo la loro pubblicazione sul web) per i verbali dei due interrogatori di Totò Riina (luglio 2009 e luglio 2010) pubblicati (per ampi stralci) ieri mattina dal nostro giornale in versione cartacea e, contemporaneamente, in versione integrale, su Repubblica.it.  La decisione è stata presa dalla Procura della Repubblica di Caltanissetta che ha emanato un “decreto di sequestro preventivo” e ha indagato i giornalisti Attilio Bolzoni e Lirio Abbate per violazione del segreto istruttorio”.  Abbiamo deciso di pubblicare questi verbali. Il capo dei capi parla a ruota libera: da Andreotti a Falcone, da Borsellino a Ciancimino. E parla anche dei servizi segreti: è questo che spaventa i magistrati? Eccone ampi stralci.

TUTTA LA VERITA’ SU VIA D’AMELIO

Si parla del boss: tolgono il giornale dalle edicole

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

9 thoughts on “Ecco i verbali (sequestrati) di Totò Riina

  1. La magistratura che sequestra i verbali; ma a chi interessano? a me no (eppure faccio il giornalista) non ne sento proprio il bisogno di leggere quello che disse il topone; Dio in terra della mafia; ma chi se ne fotte? sono con i due giornalisti indagati; succedono cose turche in Italia; a Castellammare addirittura la camorra ha fatto il giro delle edicole; non vendete Metropolis… hanno fatto pure visita ala redazione del giornale; quale sgarro quello di Metropolis? ha pubblicato una storia del carcere di un matrimonio di un boss. Ma!

    Giovanni Farzati, Reporte senza frontiere, giornalista di Positano News

    Posted by Giovanni Farzati | 1 October 2011, 23:10
  2. @ Giovanni.
    Come a chi interessano? Interessano a tutti quelli che vogliono capire il perché della Mafia.
    Per sconfiggere la Mafia bisogna anche monitorarla nelle sue dinamiche sociali, come funziona e agisce.
    Come un tumore, va studiato. Sempre.
    Così che un giorno non avranno modo, queste bestie, di entrare nella tua redazione o di altre testate giornalistiche e permettersi nessun tipo di minaccia.

    Posted by Walter | 2 October 2011, 01:47
  3. Anche perchè ci sono alcune verità importanti. Certamente le parole di un mafioso vanno prese con le molle, ma alcuni punti andrebbero approfonditi.

    Posted by pinoscaccia | 2 October 2011, 11:16
  4. Non so ma leggendo questo post ed i commenti mi è tornata alla mente un’intervista di qualche tempo fa,se non erro a La7,fatta per strada a cittadini del nord,esattamente lombardi.Ebbene il giornalista chiedeva cosa ne pensassero della mafia.Uno disse che lui lavorava con persone del sud e che gli avevano assicurato che non esiste.Tutto inventato sulla mafia,lui credeva a queste persone con le quali aveva un rapporto sincero.Altri nulla sapevano,non avevano veduto,sentito nulla e nulla potevano dire.Per altri ancora non era un problema loro, comunque meglio tenere la bocca chiusa.
    Questo nel magico mondo di formingopoli,dove tutto va bene e se qualcosa non va esiste sempre la soluzione.Divina? Forse.

    Posted by irisilvi | 2 October 2011, 11:50
  5. considerate sempre che, nella mentalità di un siciliano, prima ancora che di un mafioso, in maniera ‘attiva’ vale ‘excusatio non petita, accusatio manifesta’ (spero di aver scritto correttamente). Insomma, se io, non (esplcitiamente) richiesto, me ne esco con: “No, tu non c’entri nulla, e lui neanche…” probabilmente ti sto discolpando per non farti capire che mi vendicherò. Probabilmente, chiaro, ché la mentalità di un popolo è una generalizzazione, mica una scienza perfetta.

    Posted by Ninny Aiuto | 2 October 2011, 13:11
  6. Sicuramente, ma se dici “nella mentalità di qualche siciliano”, ti esprimi in modo corretto.

    Posted by Walter | 2 October 2011, 15:10
  7. Capire il perchè della mafia; credo che si sappia il “perchè”; oppure si fa finta di non capire e non vedere; Pino Scaccia è il suo “test” del mafioso, rispondi; la mafia non esiste, sei mafioso, diciamo che è tanto vicina a noi tutti che non si riesce a metterla a fuoco.

    Posted by Giovanni Farzati | 2 October 2011, 20:55

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: