you're reading...
medioriente

Donne “libere” in Arabia Saudita: l’illusione dura solo un giorno

Neanche due giorni dopo l’importante annuncio di re Abdallah sul riconoscimento del diritto di voto  (seppur solo dal 2015 e per i consigli locali) alla popolazione femminile dell’Arabia Saudita, dal regno giunge il segnale che nulla in realtà è cambiato. Una ragazza è stata condannata a subire 10 frustate per essersi messa al volante di un’auto, sfidando il divieto in vigore. Lo annuncia Amnesty International. Identificata come Shema, la donna era stata sorpresa alla guida lo scorso luglio a Gedda. Women2drive, l’organizzazione che guida la campagna perché le donne possano guidare in Arabia Saudita , ha già fatto ricorso. Su almeno altre due donne pendono condanne per simili accuse ma, nonostante le frustate e l’oscurantismo, la lotta quotidiana delle donne saudite per il diritto a guidare la propria auto non si ferma. Proprio oggi un’altra giovane, Madeeha al-Ajroush, è stata arrestata perché alla guida nel centro di Riad. Secondo quanto ha denunciato Mohammad Fahad al-Qahtani, presidente dell’associazione per i Diritti civili, la ragazza “è trattenuta presso un commissariato”.  segue

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

4 thoughts on “Donne “libere” in Arabia Saudita: l’illusione dura solo un giorno

  1. annunci di facciata che mi ricordano qualche politicante di casa nostra…

    Posted by marco stefano vitiello | 28 September 2011, 14:37
  2. Il sovrano saudita, re Abdullah, ha annullato la condanna di una saudita a 10 colpi di frusta per aver violato il divieto alle donne a guidare l’auto. «Grazie a Dio, la flagellazione di Sheima è stata annullata – ha annunciato su Twitter la principessa Amira Tawil, moglie del nipote del re e ricchissimo uomo d’affari Walid ben Talal -. Grazie al nostro amato re. Sono sicura che tutte le donne saudite saranno felici». L’annullamento della condanna è stato confermato da un’altra fonte informata a Riad.

    Vabbè. Ma il problema resta finchè non si cambiano leggi. Non è che una donna deve aspettare la grazia regale per guidare un’auto…

    Posted by pinoscaccia | 28 September 2011, 22:34

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: