you're reading...
persone

La signora della fontana

Giovedì le suore organizzeranno un bel pranzo in suo onore. Festeggerà così i suoi 80 anni Anita Ekberg. Nel reparto lungodegenza di una clinica di Roma. La diva per eccellenza, quella che Federico Fellini volle per la sua Dolce Vita, quella che prese per mano Marcello Mastroianni e fece con lui il bagno nella Fontana di Trevi. L’estate scorsa, il ricovero per la rottura del femore sinistro, ora quello destro. «L’operazione è andata bene, ora stanno cercando di rimettermi in piedi», racconta al Corriere della Sera. «E pensare che a Fellini piaceva moltissimo come camminavo. Dentro la Fontana di Trevi, durante le riprese, feci su e giù una notte intera, senza mai inciampare. Da quel bagno entrato nella storia del cinema sono passati cinquant’anni. «Sì, mi sento un po’ sola», ammette la Ekberg. «Ma non ho rimpianti. Ho amato, pianto, sono stata pazza di felicità. Ho vinto e ho perso. Non ho un marito, non ho figli». E ricorda i suoi amori, da Gianni Agnelli, alla proposta di matrimonio di Frank Sinatra, a Dino Risi, «con cui non c’è mai stato niente». Ricordi lontani. Nella clinica, «le giornate sono infinite.  L’intervista

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

18 thoughts on “La signora della fontana

  1. Capisco che la solitudine fa paura a tutti.
    Anitona, sola anche qui.

    Posted by pinoscaccia | 27 September 2011, 17:19
  2. hai ragione, Pino, la solitudine e la vecchiaia fanno paura a tutti :(

    Posted by marco stefano vitiello | 27 September 2011, 17:30
  3. Ciao Gabbiano, spesso mi trovo sola e con tanti anni che pasano, ma non mi spavento. Ho sempre cercato intorno qualche amico, la natura ne è ricchissima.
    Forse il suo mondo di celluloide l’ha distratta dal mondo vero. Comunque avevo notato i pochi commenti, ma ero impegnata a fare un nuovo post nel mio blog. Adesso ho finito e sono tornata per portare un salutone e tanti auguri alla biondissima. Cara Anita, mi piacerebbe regalarti l’ultima immagine, un vero dipinto, ma, purtroppo non sarebbe bello come aprire la finestra della tua stanza e guardare fuori. Ciao

    Le creature del Creato

    Ogni sera, stanca della giornata di faticoso lavoro,
    mi riposo
    e con un semplice piegamento del capo verso destra,
    tra i rami degli olivi ricchi di frutti,
    posso ammirare dei dipinti dai colori stupendi.
    Grazie mio Dio per aver creato l’universo,
    con il vocio delle sue creature.
    Grazie che posso ancora alla mia età
    udire e vedere queste meraviglie.

    Un caro saluto ciao franca

    Posted by ceglie | 27 September 2011, 18:50
  4. Tutti sanno simpatizzare con la sofferenza di un amico; ma ci vuole un’anima molto bella per aver simpatia per il successo di costui. (indovina indovinello chi sarà mai?)

    così ora sono maligna se dico che bisogna essere una specie di martiri per suscitare la pietà della gente? siccome ha avuto una vita di successo, da film… frega niente a nessuno della “sua” solitudine…

    …ma un salutone a una vera diva!! :))) ;)))
    (io se fossi un’infermiera starei sempre ad ascoltare i suoi racconti).

    Posted by Sissi | 27 September 2011, 19:56
  5. Si vero Pino,ma non sempre ci sono parole per esprimere pure un’ammirazione o un dolore.Spesso non ci sono parole per dire anzi alcune volte il silenzio urla.Non la chiamare Anitona per favore,lei è una diva come oggi non ce ne sono piu’.Ha vissuto,ha amato ,è stata amata,cosa di piu’? Auguri Anita Ekberg,sensualissima signora.Per i tuoi 80anni ti auguro una lunga “dolce vita”.

    Posted by irisilvi | 27 September 2011, 20:15
  6. Anitona la chiamavano tutti allora…negli anni ’60.

    (comunque ora non esageriamo, non è che, onestamente, sia un dolore dei più grandi. Suppongo, così…
    Pur vero però quanto sopra. Mi andava di notarlo, perchè l’ho sempre più o meno pensato, anzi visto).

    Posted by Sissi | 27 September 2011, 20:24
  7. Era di una bellezza sovrumana. La prima volta che l’avevo vista in una fotografia a piena pagina su una rivista americana “Dio mio” pensai “non fatemela incontrare mai!” Quel senso di meraviglia, di stupore rapito, di incredulità che si prova davanti alle creature eccezionali come la giraffa, l’elefante, il baobab lo riprovai anni dopo quando nel giardino dell’Hotel de la Ville la vidi avanzare verso di me preceduta, seguita, affiancata da tre o quattro ometti, il marito, gli agenti, che sparivano come ombre attorno all’alone di una sorgente luminosa. Sostengo che la Ekberg, oltretutto, è fosforescente”.
    Federico Fellini

    Posted by irisilvi | 27 September 2011, 20:37
  8. quando si perde un amore anche se di un figlio la solitudine è cocente

    Posted by lorena | 28 September 2011, 12:55
  9. No quella è Romy Schneider… – una donna che mi è sempre rimasta impressa – ma non mi risulta che la Ekberg abbia mai avuto figli.
    (era…Romy Schneider. Mi sa che ti sbagli con lei)

    Posted by Sissi | 28 September 2011, 13:15
  10. Vero. Anita Ekberg non ha mai avuto figli. Drammatico invece il destino di Romy Schneider.

    “… La fragilità e l’equilibrio emotivo di Romy vennero ulteriormente compromessi dalla tragica scomparsa del quattordicenne figlio David, che morì il 5 luglio 1981 dopo essere rimasto infilzato da un cancello che tentava di scavalcare”.

    Posted by pinoscaccia | 28 September 2011, 13:24
  11. Anita, auguri!

    Posted by pinoscaccia | 29 September 2011, 10:41
  12. Auguri a Anita Ekberg! ;)))
    (che ci tiene ben vivo il ricordo di una dolce dolcissima vita…

    Posted by Sissi | 29 September 2011, 11:17
  13. Troppo bello fare gli auguri ad Anita e non agli altri….due!

    Posted by irisilvi | 29 September 2011, 11:50
  14. mica l’ho capita. gli altri due chi??

    Posted by Sissi | 29 September 2011, 13:39
  15. b&b = b.e bersani tutti e due nati il 29 settembre ;)

    Posted by irisilvi | 29 September 2011, 13:42
  16. Ah!!! ero troppo curiosa
    così mo’ ci tocca fargli gli auguriii ;)))
    ok ok pure a loro, ma molto meglio Anita… sai, tutti che vogliono fare i divi… :)))

    Posted by Sissi | 29 September 2011, 13:45
  17. Augurissimi , grande Anita !!

    Posted by luciogialloreti | 29 September 2011, 17:42

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: