you're reading...
pena di morte

Delitto di Stato

Dopo una lunga serie di rinvii, sospensioni e ritardi, è stata infine eseguita la condanna alla pena capitale inflitta a Troy Davis, 42 anni, divenuto suo malgrado l’ennesimo simbolo, dentro e fuori l’America, della battaglia contro la pena di morte: in un carcere di Jackson, in Georgia, gli è stata praticata la prevista iniezione letale. A nulla sono servite le manifestazioni a suo sostegno in varie città del mondo e gli appelli di alte personalità per salvargli la vita. Una campagna che ha visto nelle scorse settimane l’adesione di papa Benedetto XVI, dell’ex presidente Jimmy Carter, dell’arcivescovo Desmond Tutu e di molti esponenti politici e personaggi pubblici americani e internazionali. (…) Davis era stato condannato a morte per l’uccisione nel 1989 a Savannah di un agente di polizia, Mark MacPhail, che seppur fuori servizio era intervenuto di notte in difesa di un senzatetto che era finito al centro degli scherzi violenti di un gruppo di teppisti. All’epoca, Davis aveva 19 anni. (…)  Un esperto come l’ex direttore della Cia ed ex giudice William Sessions aveva sottolineato che sulla sua colpevolezza c’erano “seri dubbi, alimentati da ritrattazioni di testimoni, accuse di coercizione da parte della polizia, e mancanza di serie e concrete prove”. Tutta la storia

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

7 thoughts on “Delitto di Stato

  1. Alla fine l’hanno ammazzato.
    La nazione che da lezioni di democrazia per gli altri non riesce ad avere una giustizia civile in casa propria.Per questo fa orrore.

    Posted by irisilvi | 22 September 2011, 14:53
  2. Basta citare Guantanamo per capire qual’è l’idea che gli “ameri – cani” hanno della vita e dei diritti umani. Sono i peggiori criminali della storia. Ed ora vogliono affossare l’Euro. I PIGS sono loro.

    Posted by MouseOnMars | 22 September 2011, 15:35
  3. Come al solito, esageri.

    Posted by pinoscaccia | 22 September 2011, 16:49
  4. io sono d’accrdo con irisilvi dare esempio di democrazia poi avere la pena di morte bah!!!! in un caso poi con grande incertezza dove l’opinione pubblica si mobilità vogliono ogni volta dimostrare che non accettano consigli da nessuno anche questa è arroganza !!!!!

    Posted by lorena | 23 September 2011, 08:18
  5. Personalmente ribadisco che si dovrebbero escludere dall’ ONU tutte le Nazioni che utilizzano questo metodo di pena. Civiltà e barbarie in un solo Palazzo non possono convivere.
    E questo è un punto a favore della civiltà italiana. Si può affermare con orgoglio.

    Posted by Walter | 23 September 2011, 12:14
  6. ….e oltretutto con colpevolezza non conclamata e suffragata da prove certe!

    Posted by luciogialloreti | 23 September 2011, 12:15

Trackbacks/Pingbacks

  1. Pingback: Pena di morte, in nome di chi? | | blog pendolareblog pendolare - 22 September 2011

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: