you're reading...
persone

Chi era Edoardo Agnelli

Qualche tempo fa ho pubblicato un articolo su Edoardo Agnelli, recuperando i ricordi di un’amicizia brevissima consumata a Malindi, in Kenya. Oggi ho ricevuto questa lettera. Non so quanto sia vera, ma ho deciso di pubblicarla. E’ comunque la testimonianza di un grande amore e soprattutto una maniera per non dimenticare un ragazzo dolce e sfortunato.

“Mi chiamo Cristiana e sono l’unica donna che per anni ha frequentato Edoardo al buio, cioè lontano dai riflettori, dal lontano 1988 quando ci siamo conosciuti in Africa. Spunto fuori solo adesso lo so sembra incredibile perchè per otto lunghi anni sono stata malissimo, non avevo il computer e mi ero buttata nella droga per non sentire il dolore per la  perdita di Edoardo.  Stavamo insieme tutti i giorni, mi mandava l’autista sotto casa, eravamo inseparabili, insieme ci completavamo. Edoardo mi aveva appena comunicato che mi stava acquistando una casa più grande per stare insieme. Si era messo a dieta per me per essere più carino, ma era già bellissimo. E’ stato l’unico vero uomo della mia vita. Per i primi tre anni ho pianto ininterrottamente tutte le notti, scusate se sfogo qui il mio dolore ma non riesco ancora a crederci. Sento la sua presenza vicino.  Lo conoscevo bene e posso affermare con certezza che non avrebbe mai e poi mai tentato un gesto del genere anche perchè eravamo una famiglia, desideravamo un figlio insieme gia da parecchio tempo e lui non mi avrebbe mai e poi mai lasciata da sola con i problemi che avevo. Lui mi proteggeva come faceva suo papà Gianni a cui voglio molto bene anche se e scomparso e lo piango ancora.  Edoardo inoltre non era così fragile, sapeva cosa voleva la sua forza era la pazienza e l’amore indiscriminato verso tutti. Era impegnato nella politica italiana ed estera e stava mettendo un pò le cose a posto nel mondo. Stava prendendo sempre più potere. Se gli renderete giustizia lo farete anche per me, una donna ancora pazza di lui”.  Cristiana Varesio

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

12 thoughts on “Chi era Edoardo Agnelli

  1. incredibile propio ieri leggevo il post su Edoardo , mi sembra una lettera assurda , ma tutto è possibile , certo pensare che cercava di” mettere a posto le cose nel mondo” mi sembra un delirio di una donna .

    Posted by lorena | 5 September 2011, 21:05
  2. Diciamo che Edoardo in effetti ci provava. L’ho scritto anche nel pezzo (tanto tempo fa).

    Posted by pinoscaccia | 5 September 2011, 21:07
  3. se l’hanno ammazzato poveraccio!

    Posted by tiziano | 5 September 2011, 21:14
  4. La lettera è l’amore senza tempo, disperato, di una donna innamorata, merita rispetto, io credo che sia autentica la lettera: Hai fatto bene a pubblicare, io la riprendo, citando fonte per il giornale.. Giovanni Farzati, Positano News

    Posted by Giovanni Farzati | 5 September 2011, 21:51
  5. forse sono una moralista ma non si affoga il dolore nella droga, non discuto l’autenticità della lettera , uno dei modi per ricordare la persona che si ama è operare per portare avanti progetti che lo valorizzano , piangere per anni mah!!!!forse !!!!!!!!insinuare il dubbio che qualcuno l’abbia ucciso? allora battersi per la verità!!!!!.
    Non conosco Edoardo se non per sentito dire percio’ tanto vale non giudicare da parte mia

    Posted by lorena | 5 September 2011, 23:26
  6. Infatti, la lettera ha solo il valore di una testimonianza, semprechè sia autentica ripeto. Per il resto, appunto, è difficile giudicare da parametri diversi. Non si affoga il dolore nella droga? Certamente non chi non ne è schiavo. Battersi per la verità? Forse ti è sfuggito il cognome…

    Posted by pinoscaccia | 5 September 2011, 23:30
  7. si decisamente una lettera carica d’amore nei confronti di Edoardo Agnelli.

    Posted by Gianluca alias Aureliano Flavio | 5 September 2011, 23:33
  8. Infatti, anche a me piace leggerla così e basta.

    Posted by pinoscaccia | 5 September 2011, 23:34
  9. ho sempre avuto una istintiva simpatia per Eduardo , l’ho sempre immaginato , intelltuale, introverso schivo al comando. tormentato ,fragile, ma anche questo è un pensiero, forse è giusto guardare questa lettera come un atto d’amore per lui .

    Posted by lorena | 6 September 2011, 00:10
  10. Io l’ho conosciuto e l’ho trovato proprio come lo hai immaginato te.

    Posted by pinoscaccia | 6 September 2011, 00:13
  11. grazie Pino per questa conferma, ed è stato bene ricordarlo anche se con una lettera che potrebbe non essere vera, ho una innata simpatia per chi cerca con fatica di sopravvivere alle fatiche del vivere .

    Posted by lorena | 6 September 2011, 15:25
  12. Leggo che,con una certa insistenza,la signora Cristiana Varesio dice che avrebbe desiderio di parlare con me.
    Io condivido questo desiderio e mi sono già espresso pubblicamente su questo punto però,sino ad ora, non ho avuto risposta
    Ribadisco la mia disponibilità anche in questa sede e,sempre appellandomi alla necessaria riservatezza,riporto il mio indirizzo mail.
    mario.bracco@hotmail.it.

    Posted by Mario Bracco | 11 September 2012, 18:22

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: