you're reading...
africa

Ostaggi

Quindici italiani sono prigionieri in Africa: in Nigeria, Tanzania, Darfur e Algeria. Video  Non dimentichiamoli.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

9 thoughts on “Ostaggi

  1. grazie della segnalazione pro memoria

    Posted by marco stefano vitiello | 31 August 2011, 15:37
  2. qui in giappone a volte queste notizie me le perdo… grazie del ripasso!

    Posted by alice | 1 September 2011, 12:12
  3. Una esperienza che se finisce bene non si cancella, ti seguirà per sempre!

    Posted by ceglie | 1 September 2011, 12:57
  4. Il gabbianotour continua: sto a Modena.

    Posted by pinoscaccia | 1 September 2011, 16:00
  5. Pe’ furtuna che ce stanno sti gabbiani. Bon volo.Dimani puro’io cambio zona e nun so quanno rientro. ‘N bocca a lupo ciao ;)

    Posted by ceglie | 1 September 2011, 20:05
  6. Gennaro e Vincenzo tornano a casa: la Rosalia D’Amato è stata rilasciata e fa rotta verso l’Oman.

    Gennaro Odoaldo e Vincenzo Ambrosino due nostri concittadini che erano a bordo della Rosalia D’Amato, abbracceranno presto i loro cari. A quanto si apprende da fonti vicine alla società armatirice i pirati avrebbero lasciato la nave che sta facendo rotta verso l’Oman.
    Tratto da: http://www.tgprocida.it/wordpress/?p=3899

    Posted by Walter | 25 November 2011, 16:13
  7. Bella notizia! Era ora.

    Posted by pinoscaccia | 25 November 2011, 16:27
  8. E’ libero il mercantile italiano Rosalia D’Amato, della compagnia armatoriale “Perseveranza navigazione”. E con loro i ventidue uomi di equipaggio, tra cui sei italiani. Dopo sette, lunghissimi mesi di estenuanti trattative, i pirati somali hanno deciso di rilasciare la nave assaltata il 21 aprile scorso mentre incrociava nell’Oceano Indiano, 320 miglia a sud dell’Oman.

    Nelle mani delle potentissime organizzazioni somale resta ancora la “Savina Caylyn”, anch’essa della compagnia D’Amato, con 43 uomini d’equipaggio tra cui 11 italiani. Le trattative sono da tempo interrotte. Ci sono problemi legati all’entità del riscatto: i pirati somali erano scesi da 22 milioni a 14 milioni di dollari. Ma davanti ad una nuova offerta di 7 hanno deciso di chiudere i contatti. Per timore di un blitz da parte delle nostre unità militari hanno deciso di trasferire a terra tre degli undici italiani prigionieri a bordo.

    Posted by pinoscaccia | 25 November 2011, 16:31
  9. Liberata la Savina Caylyn
    La notizia era nell’aria da qualche settimana. La Savina Caylyn, presa in ostaggio dai pirati somali è stata finalmente liberata. I marittimi possono tornare a casa e festeggiare un Natale felice.
    La Savina era stata sequestrata in febbraio, quasi undici mesi di angoscia e terrore con i marittimi ostaggio di predoni senza scrupoli. Più volte, anche attraverso l’edizione napoletana di Repubblica, i marittimi hanno lanciato appelli per la loro liberazione raccontando le difficoltà e le privazioni subite.
    Procida festeggia, era in attesa e sembrava che già lunedì la situazione potesse sbloccarsi. Adesso, finalmente, la notizia più bella.
    La nave della compagnia D’Amato sequestrata l’8 febbraio 2011 vicino all’isola yemenita di Socotra, ha cinque italiani a bordo.

    Tratto da: tgprocida.it

    Posted by Walter | 21 December 2011, 15:08

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: