you're reading...
il segno dei tempi

Bisogna fermarli in tempo

A leggere queste farneticazioni, gli insulti di Bossi sembrano buffetti. Attenzione, non è folklore: è una campagna razzista di una violenza inaudita, assolutamente fuori legge.  Ma l’aspetto più grave è proprio che questi mascalzoni sono già stati processati nel 2005 e assolti “perchè il fatto non sussiste”, a tal punto che qualcuno ha anche lanciato l’aberrante idea di riammetterli in Parlamento. C’è poco da commentare, c’è solo da fermarli in tempo. Altrimenti significa che il Paese ha abdicato a ogni proposito di legalità. 

Proteggere l’Italia dalle invasioni dei “nuovi barbari”, ovvero dagli immigrati, e costringere tutti gli stranieri arrivati nel nostro Paese, a partire dal 1977, ad abbandonarlo. E’ il compito che il Partito nazionalista italiano (PNI), una formazione neofascista creata nel 2009 da Gaetano Saya, leader del MSI – Destra nazionale e ideatore delle “ronde nere” e della Guardia nazionale – attribuisce alle neonate “legioni per la sicurezza e la difesa della Patria”. Un progetto, quello delle ronde, che Saya, un ex massone già noto alle cronache per aver creato un servizio segreto parallelo, non ha mai abbandonato. E lo dimostra il fatto che, in questi giorni, il sito del PNI abbia fatto partire una campagna di adesioni, con tanto di trailer e “chiamata alle armi”, diffusa anche tramite Facebook . “Prepariamoci alla battaglia”, tuona Saya. Il “programma per la liberazione dell’Italia” è articolato in 25 punti e prevede, tra le altre cose, “l’immediata uscita dell’Italia dall’Unione Europea” (articolo 2) . Possono essere cittadini italiani solamente “i connazionali di sangue italiano” e, a tal proposito, “si dovrà impedire ogni nuova immigrazione di non-italiani”. I nazionalisti chiedono, inoltre, “che tutti i non-italiani che sono immigrati in Italia dopo il 31 dicembre 1977 vengano costretti a lasciare immediatamente il territorio nazionale”. Altri punti prevedono la “statalizzazione di tutte le imprese e gli istituti di credito e delle industrie” e l’introduzione della pena di morte per “gli usurai, i profittatori e i politicanti”. Ce n’è anche per i giornalisti: l’articolo 23 mira a creare una stampa italiana, attraverso l’assunzione di redattori e collaboratori “connazionali”; tutti i giornali non italiani, invece, “devono ottenere, per essere pubblicati una espressa autorizzazione dello Stato e devono venire stampati in lingua italiana”. Il programma del partito (nel quale le donne non possono ricoprire alcun incarico) si conclude con l’impegno, da parte dei suoi dirigenti, a “lottare a fondo, se necessario esponendo la propria vita, per l’attuazione di questi punti”. Saya dichiara anche guerra agli omosessuali, che “vanno buttati fuori dal Parlamento e dalle istituzioni”. Compito di queste milizie illegali è anche quello di battersi contro i “comunisti”, il cui “obiettivo primario è l’invasione sistematica della nostra Nazione da parte di zingari, albanesi, marocchini ed islamici di vario colore, propendono affinché vengano riconosciute di fatto le famiglie tra omosessuali e vorrebbero affidare a questi pervertiti la custodia di bambini”. Il 24 settembre a Genova è prevista la “prima adunata delle legioni”: qui, salvo divieti della polizia, si dovrebbe procedere al reclutamento dei primi simpatizzanti che hanno inviato il modulo tramite il sito. fonte

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

37 thoughts on “Bisogna fermarli in tempo

  1. Su Facebook sto conversando con un amico poliziotto. Forse non ci si rende conto che il momento è difficile e questi pazzi potrebbero trovare proseliti. Non è neppure fascismo, ma il nazismo più becero. Come sapete anche da queste parti si affacciano ceffi che inneggiano alla razza pura, stiamo attenti. Alla polizia postale basterebbe andare sul sito di Saya per trovare una serie di ipotesi di reato. E chiedere di chiuderlo.

    Posted by pinoscaccia | 21 August 2011, 18:58
  2. Lo scorso mese di maggio, infine, fece discutere la proposta del fondatore del Partito Nazionalista di arruolare come segretario nazionale il “Responsabile” Domenico Scilipoti, che si disse a sua volta “onorato” di quella richiesta, proponendo addirittura di far rientrare gli adoratori del Sole nero dell’MSI-DN in Parlamento.(da Repubblica)

    Ecco da chi è arrivata l’idea di riammetterli in parlamento.E’ ora, è giusto dare nome e cognome a chi è stato votato con una sigla e poi ,in realta’, si propone con tutt’altra posizione etica e morale.Quanti Scilipoti ci sono in parlamento? Quanti irresponsabili che si sono venduti per un voto imbrattano la nostra costituzione? Certo che vista da qua bisognerebbe di certo modificarla.I padri costituendi cosa penserebbero dopo aver scritto il terzo articolo della Costituzione?

    Tutti i cittadani hanno pari dignita’ e sono uguali davanti alla legge senza distinzione di sesso,di razza,di lingua,di religione,di opinioni politiche,di condizione personale sociale……

    Posted by irisilvi | 21 August 2011, 19:08
  3. Si Pino , ne ero a conoscenza. Sono gli stessi che fanno parte del “mondo fanstastico di Breivik”. Questi sono gruppi che nascono dalla massoneria “neoliberista” che ha base negli USA. Sono pericolosissimi e si muovono dove ci sono governi deboli. Vogliono iniettare nella società Europea l’odio razziale verso i Mussulmani. Hanno paura dell’EURABIA e del popolo che sta cominciando a capire che il liberismo non funziona. Non voglio dilungarmi in discorsi che potrebbero sembrare troppo fumosi , ma questi piccoli gruppetti di folli , piano piano , nel silenzio crescono , perchè a noi ci appaiono come folcloristici e c’è chi li foraggia e li protegge. Tra di loro ci sono anche membri elle forze dell’ordine.
    Per non parlare poi dei contatti che hanno con i Serbi ed altri gruppi di ex militari dell’est.

    Posted by MouseOnMars | 21 August 2011, 19:11
  4. Mauro Biani

    Posted by pinoscaccia | 21 August 2011, 23:36
  5. Ecco un altro testicolo bollito che vuole cavalcare l’ onda della crisi, allo stesso modo di Benito. Ma a Messina Gaetano Saya, ha messo in tasca solo pernacchi e sputazzi.
    Poi, i massoni (definiti veri) non si vantano apertamente di esserlo. Hanno dei sistemi particolari per riconoscersi tra loro e, come consuetudine, agiscono nell’ ombra e senza proclami. Di questi faccendieri silenziosi bisogna preoccuparsi, non di questo Paulus lombardus della Sicania. Purtroppo Messina brulica di questi personaggi.

    Posted by Walter | 22 August 2011, 01:03
  6. Siamo messi bene! Al sud il lumbardus sicano,al nord i buzzuri celtici ed in mezzo il nulla.

    Posted by irisilvi | 22 August 2011, 01:09
  7. Fino a vent’anni fa mi sarei fatto una grassa risata liquidandoli come dei patetici buffoni. Oggi, sentendo certi discorsi di Borghezio, leggendo i commenti dei lettori di Libero e Il Giornale, guardando alla cancellazione delle ricorrenze del 25 aprile, del primo maggio e del 2 giugno la voglia di ridere m’è passata.
    Vigilanza & antifascismo militante…

    Posted by satanasso | 22 August 2011, 01:10
  8. Chi fa il primo turno? Di vigilanza intendo…

    Posted by irisilvi | 22 August 2011, 01:15
  9. Dobbiamo vigilare tutti. L’ho detto nel post: non è folklore, è una questione serissima.

    Posted by pinoscaccia | 22 August 2011, 01:20
  10. Ci sono le leggi che dovrebbero “vigilare” e non lasciare che certi individui possano fare proclami! Ma siccome sono gli stessi che poi fanno pure i responsabili allora tutto diventa un po’ piu’ complicato.Altro che abulia catodica!

    Posted by irisilvi | 22 August 2011, 01:31
    • Cara amica, quello che descrivi è un mondo ideale che non esiste da nessuna parte. La partecipazione attiva dei cittadini è _sempre_ necessaria; la convivenza civile non può essere abbandonata ai destini dell’astrazione (le leggi), è diritto-dovere di tutti noi far sì che esse siano realmente applicate e rispettate. Naturalmente non mi riferisco solo al caso in questione. Quanto al fare proclami, personalmente sono contro ogni tipo di censura, ma questa è un’altra storia.

      Posted by satanasso | 22 August 2011, 01:43
  11. Si certo capisco caro amico Satanasso,la piazza,la rivoluzione e botte da orbi se necessario .Tutto questo contro ogni censura, pure per dei nazifascisti da strapazzo che invece di stare rinchiusi(io butterei pure le chiavi,ma non si puo’ dire questo )tra un po’ ce li troviamo in parlamento.

    Posted by irisilvi | 22 August 2011, 01:59
  12. Una volta si diceva che bisogna avere più paura degli stupidi che dei cattivi ma questi paioni essere gli uni e gli altri. Meglio non guardare le foto sui giornali c’è da mettersi paura.

    Posted by Barba | 22 August 2011, 09:19
  13. Leggi, piazze? Forse vi è sfuggito che questo governo ha tolto perfino il REATO di apologia del fascismo. E la cosa è passata completamente sotto silenzio, altro che abulia catodica. E a proposito, sai perché ci sono entrambe, Barba? Perché l’immoralità va sempre di pari passo con la stupidità. La stupidità va sempre a braccetto con l’immoralità. Sono direttamente proporzionali, facci caso.

    Posted by Sissi | 22 August 2011, 10:48
  14. “Per noi donne il voto non significa nulla, pensai. Dovremmo armarci”. (cazzata per cazzata…mi sto allineando alle regole dell’epoca!! La cosa più immorale che ci sia… secondo Oscar Wilde ;-)

    Posted by Sissi | 22 August 2011, 11:17
  15. “Il fascismo perenne è in libera uscita”, scriveva Giorgio Bocca sull’Espresso nel 2003. “A cicli la società degli uomini sì prende le sue vacanze dalla legge e dalle tradizioni civili, dalla disciplina e dall’educazione. E allora i neri di tutte le specie corrono al loro sabba: infamie, diffamazioni, ricatti, viltà represse per anni irrompono come un torrente melmoso e i ladri si vantano di esserlo, i servitori infedeli dello Stato mostrano con orgoglio le prove dei loro tradimenti, i servi non hanno più limiti all’abiezione, gli onesti quasi si vergognano di esserlo, gli esitanti sciolgono gli ormeggi e si precipita”. (segue… -sto col telefono e particolarmente in vena di rompere)

    Posted by Sissi | 22 August 2011, 12:05
  16. E perché il fascismo è in libera uscita? Perché conviene! Il fascismo è un virus, come il virus della peste, del colera e del tifo: lo diceva Berthold Brecht. Per questo è fondamentale la partecipazione. Mi ricordo, tornando un pò ai cardinali – che così rompiamo loro un pò le balle – che una volta il cardinale Tettamanzi mi chiese: “Gallo, tu preghi?” E daglie… “Quando voi superiori mi fate delle ‘zuppe’ è chiaro che prego. Però eminenza, io ho una preghiera che per divulgarla so che ci vuole il suo nulla osta… Me lo fa il nulla osta?” E lui, intrigante brianzòl: ” E qual è questa preghiera?” “I primi dodici articoli della Costituzione!”. (da “Di sana e robusta costituzione” – Don Gallo).

    Posted by Sissi | 22 August 2011, 12:20
  17. Questo è il post che hanno scritto i seguaci di Saya contro Marco Pasqua, autore dell’articolo di Repubblica. Ci sono precise minacce di morte. Tanto per far capire chi sono i tipi. Leggi

    Posted by pinoscaccia | 22 August 2011, 13:23
  18. Mi sa che ha ragione Irisilvi che da tempo teme la stessa fine dell’ex Jugoslavia… Chi l’Argentina chi i balcani…qua la speranza sarà l’ultima a morire ma è la prima che si ammala.

    Posted by Sissi | 22 August 2011, 13:42
  19. [OT Uragani] Irene: l’uragano sottovalutato che rischia di devastare gli Stati Uniti d’America

    …Attenzione, però, perchè tra giovedì e sabato il “clou” del ciclone, profondo fino a 975 millibàr, colpiràù le Bahamas e le Turks e Caicos dove dovrebbe colpire in modo molto più violento, tanto che al momento sono previsti fino a 520mm di pioggia in queste aree e le autorità hanno già allertato la popolazione per possibili frane e inondazioni. Inoltre è allarme anche per i forti venti e per le mareggiate, con mare forza 6 e onde fino a 7 metri di altezza su gran parte dei Caraibi…

    MORE: http://bit.ly/nniP4I

    Posted by giorgiusgam | 22 August 2011, 18:58
  20. Un’istruttoria dell’Ufficio nazionale antidiscriminazioni (Unar) sulle affermazioni omofobe e razziste 1 di Gaetano Saya, il fondatore del Partito Nazionalista italiano, che ha fatto partire, sul web e sui social network, il reclutamento di volontari per le cosiddette “legioni per la sicurezza e la difesa della Patria”. L’obiettivo dell’ufficio del Ministero delle Pari Opportunità, sollecitato a intervenire dalla deputata lesbica del Pd Paola Concia, è quello di accertare se nel manifesto politico del partito di Saya, con la sua “guerra” dichiarata a immigrati e omosessuali, possano essere ravvisati gli estremi di una denuncia per la violazione della legge Mancino. Al termine dell’istruttoria, l’Unar invierà, nel caso, una segnalazione alla Procura della Repubblica. Ma non è l’unica presa di posizione contro le dichiarazioni xenofobe del nazionalista Saya, che, nonostante le polemiche, continua a difendere e rilanciare le sue folli tesi e ad attaccare Repubblica. leggi

    Posted by pinoscaccia | 23 August 2011, 01:33
  21. Cercatevi in rete gli articoli di tale Silvano Lorenzoni e Federico Prati. Mi pare che quest’ultimo scriva sulla Padania e addirittura su Libero. Questi sono i veri ideologhi della Lega Nord, attuale partito di governo. La cultura politica dei vari Bossi, Calderoli, Zaia eccetera proviene da questi deliri.I n confronto Gaetano Saya è un simpatico mattacchione figlio dei fiori.

    Posted by franc18965 | 23 August 2011, 14:21
  22. “Se di fronte a un uomo giunto a rendersi indipendente dalla specie, ci ostiniamo comunque a spiegarlo con la specie, vuol dire che ci manca il senso dell’individuale” (Rudolf Steiner).
    E’ la limitatezza di molte persone, che continuano a considerare l’ “involucro” ( ossia la razza, il popolo, il lignaggio ) anzichè l’ “Io” rapportato al “Tu”.
    E’ una carenza di individualità, qualora prima della persona venga la stirpe, la razza, il territorio, il nazionalismo. Fino naturalmente ai deliri e a quell’essere proprio buzzurri cui non si dice neanche buongiorno e buonasera…

    Io rispondo così, quando gli rispondo. – l’ultimo post sulla lega l’ho evitato direttamente: tempo fa, a tal proposito, citavo Voltaire che tacciava Rousseau di far venir voglia di camminare a quattro zampe…. Preferisco la statura eretta ;)))
    (tacchi alti e due gocce di chanel n. 5! in attesa di incontrare un..Lelouch. – chè dai suoi film dicono sembro uscita :)))

    Posted by Sissi | 23 August 2011, 15:14
  23. Povero Umberto,si è rotto un gomito,mi dispiace.Su queste cose non si scherza,però mi è venuto spontaneo pensare :vuoi vedere che tra tutti “gli accidenti che gli hanno mandato…..(giusto per ridere un pò!)

    Posted by zenaide cerrone | 25 August 2011, 20:23
  24. E’ da un pò di tempo che li conosco purtroppo,alcuni di loro si erno messi a postare sui forum di Tiscali. Non mi sembrano comunque poi così pericolosi,ma l’avete ascoltato bene Saya ?. Hanno messo una pagina su Facebook,ma come diceva un ragazzo degli oltre ottocento ‘mi piace’ che si è portata a casa due sono perché effettivamente gli piacciono quel tipo di vanneggiamenti,gli atri 798 perché si sono iscritti per far notare ai due quanto sono scemi. Quale miglior risultato ?

    Posted by Arrigo Morosini | 11 September 2011, 19:41

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: