you're reading...
brasile

Il ladro di polli

Ogni tanto si fa vivo, sempre con i giornali brasiliani, mai con quelli italiani: dovessero fargli qualche domanda scomoda, per carità. Così anche l’ultima intervista dobbiamo leggerla sulla rivista Piauì dove il pluriomicida Cesare Battisti lancia un messaggio intellettualmente alto: “Amo il Brasile e le belle donne, non ho nessuna intenzione di andarmene, ormai sogno addirittura in portoghese”. Racconta pure la sua incredibile intensissima giornata divisa fra la spiaggia di Rio e la stesura dell’ultimo inutile libro sulla vita nel carcere di Papuda. Naturalmente al reporter locale ripete che lui non ha mai ucciso nessuno e che è stato una vittima politica. Strano per un ladro di polli, pure mediocre, con una faccia da schiaffi.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

9 thoughts on “Il ladro di polli

  1. magari pretende anche i danni morali!!!!

    Posted by Gianluca alias Aureliano Flavio | 14 August 2011, 20:25
  2. Appurato il fatto che non intendono rimandarcelo, non mi rimane che sperare in una Giustizia superiore. Che arrivi al più presto, se possibile.Il brutto è che nel lasso di tempo che intercorre, il ladro di polli continuerà a sfornare libri inutili come lui.Speriamo che non inizi a scrivere in portoghese….

    Posted by barbara brunati | 14 August 2011, 21:07
  3. Almeno stesse zitto.E’ uno sbruffone impenitente.

    Posted by franca | 14 August 2011, 21:47
  4. Pia illusione, quella che taccia. Ora che sogna pure in portoghese, tra un po’ inizierà a fraccontare i suoi sogni.

    Posted by barbara brunati | 14 August 2011, 22:03
  5. Le spiagge di Rio sono belle da impazzire. Ma anche molto pericolose. Spero nella giustizia divina che sta sicuramente molto sopra Lula….

    Posted by pinoscaccia | 14 August 2011, 22:07
  6. Più inutile di due chiappe…senza buco in mezzo.

    Posted by Walter | 14 August 2011, 23:55
  7. visto che il Brasile ci tiene tanto a battisti magari gli dà anche una protezione armata. Coi soldi dei contribuenti brasiliani che saranno felicissimi di spendere per proteggere un assassino. Spero anch’io nella giustizia divina e in chi volesse dargli una mano.

    Posted by Barba | 15 August 2011, 08:54
  8. Quanno se fa male a quarcheduno è listesso de ‘n boomerang. prima oppoi te ritorna addosso e te se rompe la capoccia!

    Posted by ceglie | 15 August 2011, 22:22

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: