you're reading...
tribù

Tonino, un amico

Sto andando a Offida, nelle Marche. Ma non presenterò libri stavolta, non si parlerà di me eppure è un appuntamento a cui tengo molto. C’è un premio dedicato a un mio grande amico, scomparso l’anno scorso, troppo presto. Chi è stato per me Tonino Carino lo ricordo qui, ma non c’è tutto, dovrei raccontare degli scherzi che ci facevamo, dei nostri sogni, di tutto quello che per tanto tempo ci ha unito, fino all’ultimo a Falerone dov’è venuto per salutarmi. Tonino è diventato famoso per i suoi exploit calcistico-televisivi, ma pochi sanno che era un eccellente cronista, preparatissimo a livello giudiziario. E mi piace molto che il premio intitolato a suo nome non si esaurisca in una vetrina, ma si sviluppi attraverso un convegno serissimo sulle ultime frontiere del giornalismo e offra stimoli ai giovani. Incontrerò tanti amici comuni, e grandi maestri come Nuccio Fava: sarà divertente ed emozionante ricordare quest’uomo generosissimo che ha lasciato a tutti noi qualcosa. 

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

8 thoughts on “Tonino, un amico

  1. grande Tonino!!!………pensarlo mi riporta indietro di tanti anni…quando “novantesimo minuto” era la trasmissione che i malati di calcio come me attendevano con una certa ansia…sopratutto per le partite in trasferta che non erano visibili e potavamo ascoltarle solo via radio….i suoi interventi serio/ironici mi facevano sbellicare dalle risate….

    Posted by marcello | 29 July 2011, 14:43
  2. Come dimenticare Tonino Carino? “90° Minuto”, certo, per l’Italia intera, ma anche tanto TG regionale per noi marchigiani. Ottimo cronista, è vero, perché nei suoi pezzi raccontava i fatti (Strano, eh?! ), concedendosi al massimo qualche aggettivo in coda al servizio, come asciutto personale commento. E anche ottimo conoscitore della sua terra, che amava e amava far conoscere: me lo ricordo ancora, in elicottero, in una sua apparizione a “Linea Verde”, sorvolare le nostre colline più in fretta di quanto riuscisse a raccontarne storia, tradizioni ed usanze.

    Un po’ mi dava fastidio che la sua fama fosse stata accresciuta dai suoi imitatori, che ne caricavano i difetti di pronuncia facendone quasi una macchietta. Eppure lui non se la prendeva. Perché “signori si nasce”, e lui “lo nacque”. Modestamente.

    Offida (bellissima!) è un po’ troppo lontana per poterci venire domani e troppo vicina per non rammaricarsi di questo. Gran peccato!

    Posted by Marco Alici | 29 July 2011, 15:44
  3. Già , anch’io , come tanti avevo una immagine riduttiva , limitata al calcio , di Tonino Carino ! Mi fa piacere che sia invece ricordato così ampiamente dagli amici e colleghi , che lo hanno ben conosciuto!

    Posted by luciogialloreti | 29 July 2011, 17:24
  4. i tuoi amici sono i nostri da ricordare insieme

    Posted by lorena | 29 July 2011, 21:43
  5. Aveva uno sguardo limpido,un sorriso aperto,davvero da brava persona,e poi davvero mi faceva sorridere….

    Posted by zenaide cerrone | 29 July 2011, 22:17
  6. Un caro saluto in ricordo del mitico Tonino Carino…da Ascoli.

    Posted by Walter | 29 July 2011, 22:18

Trackbacks/Pingbacks

  1. Pingback: Offida, premio Tonino Carino « Dietro il Tg - 2 August 2011

  2. Pingback: Offida, premio Tonino Carino | Dietro il tg - 23 March 2014

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: