you're reading...
acid camera

Diversamente intelligente

L’ultima battuta è sui giornali “tecnicamente fascisti”, la prima che si ricordi è sui giornalisti che lavorano: “lavoro? mi pare una parola un pò forte”. Per non dire di “iene dattilografe” e  veleni dicendo. Dalemix, giornalista professionista, ha avuto sempre un particolare astio per la categoria. Forse perchè alcuni “colleghi” hanno ricordato che è stato lui quello dell’inciucio, quello dei bombardamenti in Kosovo, quello della consegna dei cow boy del Cermis, per non dire – alla Rai – quello dei tripli salti mortali. Ora arriva il mio amico Oliviero Beha che perfidamente gli fa una proposta. Seria.

“(…) D’Alema ha centrato perfettamente e con cospicuo coraggio intellettuale il problema: quest’informazione è malata, e il sano e il diversamente intelligente è lui.(…) visto il disprezzo che giustamente riserva a questa categoria di straccioni… sono certo che Massimo prenderà in seria considerazione questa mia modesta proposta: rinunci alla pensione che gli paga l’Inpgi, il nostro istituto, facendolo figurare da giornalista per la pensione appunto con contributi detti figurativi che paga per lui la cassa comune, cioè l’insieme delle iene. Sarà un leader d’esempio anche in questo di un folto gruppo parlamentare che contempla giornalisti di complemento come Fini e Veltroni, Gasparri e Mastella e una scia di gente dalla doppia pensione. Rinunci: perché mischiarsi ai nostri privilegi, lui che da politico ha già i suoi e in dosi industriali tanto da far saltare la mosca al naso di un popolo ridotto allo stremo?”

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

5 thoughts on “Diversamente intelligente

  1. Non farebbe molta differenza né per lui né per noi. Purtroppo per noi.

    Posted by Marco Alici | 27 July 2011, 15:39
  2. Per noi odiatissimi “colleghi” la differenza ci sarebbe.

    Posted by pinoscaccia | 27 July 2011, 15:55
  3. Il “furbettino” del paesello.

    Posted by pina | 27 July 2011, 16:42
  4. Con la puzzetta sotto i baffetti.

    Posted by pinoscaccia | 27 July 2011, 16:55
  5. Come scrive Pino, la differenza c’è. E io aggiungerei che tocca sia questioni morali che pratiche. Badando al concreto: la differenza “per noi” è che la pensione giornalistica di D’Alema la paghiamo noi coi contributi che versiamo all’Inpgi. Invano, perché la pensione, noi “iene dattilografiche”, non la prenderemo mai.

    Posted by Rita | 27 July 2011, 23:31

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: