you're reading...
acid camera

Arrivi & Partenze

Vignetta di Pietro Vanessi

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

22 thoughts on “Arrivi & Partenze

  1. (PROVOCAZIONE 2) Aoh! Oggi gira così.

    “Tour del Clandestino” :
    Lampedusa-Libia
    Gustate 3 giorni d’ avventura con il sapore del rischio, immersi nell’ incantevole scenario del Mar Mediterraneo!
    Ririvrete le mirabolanti imprese della disperazione, su barca arrugginita, rigorosamente piena di falle.
    A turno, finte motovedette della Guardia di Finanza, vi faranno provare il brivido dell’ intercettazione della rotta, con colpi di mitra della Marina Libica.
    Si garantisce almeno una burrasca durante la favolosa traversata.
    Possibilità di fare il bagno e cena con il comandante.
    Sbarco di notte sulla spiaggia con filmato ricordo.
    Alloggiamento in Hotel con sbarre alle finestre, insulti di Borghezio a colazione.
    Prezzo del viaggio dai 1.500 ai 2.000 euro a persona, sconto comitive.
    Oppure in comode rate (mai viste solo rate: sono sempre comode) di 7.000 euro in 24 mesi.

    Posted by Walter | 23 June 2011, 22:12
  2. …Conviene. I prezzi delle gommo-crociere in genere sono più alti ;)))

    Posted by pinoscaccia | 23 June 2011, 22:18
  3. Provocazioni a parte, una domanda, magari STUPIDA, ma a cui nessuno è riuscito a dare una spiegazione plausibile:
    Perchè scappare da clandestini e non effettuare un viaggio della speranza, della disperazione, senza il rischio di perdere la vita.?
    Perchè non arrivare in Italia in aereo come turista e poi defilarsi, al momento opportuno, e darsi alla clandestinità?
    Credo costi meno, si viaggia con rischi quasi minimi. Boh?

    Posted by Walter | 23 June 2011, 22:28
  4. Per entrare in maniera regolare ci vuole il visto. E in pochi lo ottengono (ci vuole un lavoro già fissato).
    Il visto, anche da turista. Fanno eccezione i romeni in quanto comunitari.

    Posted by pinoscaccia | 23 June 2011, 22:31
  5. tanti anni fa mi era venuta la malaugurata idea di ospitare a casa mia un mio amichetto egiziano che sarebbe venuto come TURISTA, uno che veniva davvero solo a fare un giro….
    perchè lui potesse richiedere il visto serviva un mio invito, corredato da mia dichiarazione dei redditi, contratto d’affitto (non vorrei straparlare, ma mi pare di ricordare anche la piantina della casa), la solita assicurazione sanitaria obbligatoria e non so quante altre diavolerie, oltre al fatto che lui doveva dimostrare di avere un tot di soldi ecc ecc
    ci ho rinunciato.
    siamo solo noi che ce ne andiamo in giro per il mondo dove ci pare… :S

    Posted by mrm | 24 June 2011, 15:27
  6. Walter, non ti è chiaro: senza quei requisiti non si ottiene il visto, nisba, non si entra.
    Del resto, succede anche a noi italiani nei Paesi dove c’è il bisogno di visto. Una volta ti bloccavano all’arrivo, adesso non ti fanno neanche partire perchè al check-in controllano se hai il visto, appunto.

    Posted by pinoscaccia | 25 June 2011, 00:10
  7. Scandaloso.

    Posted by Walter | 25 June 2011, 00:13
  8. No Walter. Sai come la penso sull’accoglienza. Però ogni Stato ha le sue leggi. Un italiano per andare, che so, a Teheran (anche da turista) deve avere il visto. Normale che un iraniano debba averlo per entrare in Italia, altrimenti non esisterebbero più i confini nè i territori nazionali. Anche per andare in Russia ho faticato per avere il visto:e certo non andavo lì a cercare lavoro, ma a portare soldi. Insomma, dai, è normale.

    Posted by pinoscaccia | 25 June 2011, 00:25
  9. Non si trova scandaloso il visto. Ma che si debba fornire dei punti di appoggio assurdi;
    piantina della casa? Assicurazione obbligatoria?
    Per far che cosa, se uno vuole andare in albergo.
    Vabbe’, non insisto. Ma è tutto molto strano.

    Posted by Walter | 25 June 2011, 00:30
  10. Sì, tutte scemenze. In realtà, si vuole accertare che chi arriva da certi Paesi abbia un lavoro, o almeno da mantenersi in Italia. Forse moralmente non è giusto, ma è una maniera comunque di gestire i flussi migratori. Del resto, lasciamo perdere il cuore, e pensiamo ai fatti: metti che un somalo che scappa dalla guerra e dalla fame arriva da noi che fa, come vive? Possiamo lasciare le porte aperte? In Francia, come hai visto, sono anche più rigidi.
    Ho citato la Russia: fino a poco tempo fa bisognava pagare l’albergo in Italia, cioè prima di partire. E negli Stati Uniti rifiutano i contanti, pretendono la carta di credito. Ci sono molte regole assurde nel mondo. Anche per i turisti, figuriamoci per i migranti. Oltre a troppe frontiere.

    Posted by pinoscaccia | 25 June 2011, 00:39
  11. Ho avuto solo la possibilità di visitare Paesi conformi al Trattato di Schengen. Se andro’ in questi posti da ingresso assurdo, me ne farò una ragione.
    Forse mi sono spiegato male, ma se una persona entra da turista, ovviamente cammuffato da tale, non vedo perchè debba fornire dei vincoli estranei al motivo della permanenza. Sono daccordo sul fatto dei flussi migratori. Però un turista si registra all’ ingresso, un clandestino no. Il “turista”, forse è più controllabile.
    Poi, non so quasi niente di questo argomento, mi informerò meglio.

    Posted by Walter | 25 June 2011, 00:52
  12. Il “problema” infatti viene dai romeni che fanno parte di Schengen.
    Registrarsi in ingresso a che serve se poi …non esci? Si calcola che in Europa ci siano almeno tre milioni di irregolari, forse cinque.

    Posted by pinoscaccia | 25 June 2011, 10:37
  13. – 31 anni dopo – “Ustica e quei quattro aerei nascosti” –

    MORE: http://bit.ly/kH2qBi

    Posted by giorgiusgam | 26 June 2011, 10:39
  14. @irisilvi,

    pensi ancora che le “guerre nascoste” siano finite al 2011?

    Quando avremo ottantanni spunterà fuori qualche testimone, con il rimorso di coscienza, ma di sicuro non farà in tempo a scandire la fatidica frase “sono stati i caccia dell…” a causa del solito caffè corretto all’infarto…

    Posted by giorgiusgam | 26 June 2011, 20:52
  15. Giorgius 10 minuti fa una flottiglia di ufo è passata sopra il cielo di Padova.7 forse 8 palle rossastre ,talmente distanziate in maniera perfetta da non lasciare dubbi…i vicini che urlavano .Direzione sud ,chissa’ se riuscirai a vederli.Da giorni si sentiva parlare di queste forme in cielo.Pazzesco….sono senza parole.

    Posted by irisilvi | 26 June 2011, 22:57
    • “Question”: Sicura sicura che non erano le solite lanterne (stramaledette) cinesi? :-D

      Oramai le usano anche per le feste paesane al posto dei fuochi d’artificio…

      Posted by giorgiusgam | 27 June 2011, 12:11
      • Cosa fossero non so.Certo che avevano una rotta sudest nordovest.L’ultima palla rossa era piu’ grande delle altre e mia cognata ha pure fatto un disegno .Per lei non erano solamente delle luci….

        Posted by irisilvi | 27 June 2011, 13:21
  16. Ciao a tutti, ho sempre creduto che nell’ universo ci sono altre presenze, altre forme di vita non terrena. Sicuramente poi ci saranno anche le lanterne cinesi, gli esperimenti militari di nuove armi sofisticate. Ma guardate bene il creato, vi sembra giusto che così tanto spazio sia solo per noi?
    Seguo un blog con tutti gli avvistamenti giornalieri nel mondo. Eppoi cari amichi ” l’area 51″ ha messo sotto cappòtto le scùpèrte.
    Serena giornata di lavoro.
    Sirva’ nun riesco a entra nel tuo sito.
    Ho appena letto sul blog del mio amico questo ultimo avvistamento su Londra. Mi sembra di capire che sono uguali a quelle che hai visto sulla tua città.
    http://danilo1966.splinder.com/post/24807677/avvistamento-diurno-su-londra

    Posted by ceglie | 27 June 2011, 08:14
  17. Sirva’ so’ riuscita a entra’ a casa tua, ma quanno scrivo er commento nun compare. Aho! ma che t’è finito l’inchiostro drénto er calamaro? Me piaceva lassatte quarche letterina d’amore;)

    Posted by ceglie | 27 June 2011, 12:11

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: