you're reading...
tribù

Sabato sera

Sabato sera, d’estate. Qualche vacanza già cominciata, chi sta in città è ormai succube dei trenta gradi. Bisogno di una boccata d’aria, voglia di pizza e gelatino, solite cose, per i più giovani disco e birra. Dopo una settimana succube del traffico romano, visto che abito al mare e la mia casa sta dentro una pinetina, il posto più bello e riposante è questo. Voglia di non far niente, ma proprio niente. I miei amici fanno tutt’altri lavori e ancora non capiscono come io sia più impegnato di prima, cioè di quando tecnicamente potevo dire “vado a lavorare”, parola grossa ma che aveva comunque un senso. Adesso che teoricamente potrei stare pancia (non è un modo di dire) all’aria, sono più incasinato di prima. Forse perchè adesso devo inventarmi la giornata, prima era la Signora Notizia che comandava. E io, per tanto tempo, a ubbidire, pronto a scattare. Forse, chissà, c’è la paura di fermarmi. Proprio strana la vita. 

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

30 thoughts on “Sabato sera

  1. Gabbiano, ogni tanto bisogna pur farle riposare, le ali..
    Ti seguo sempre, anche se in silenzio.
    Lorena

    Posted by sheyda84 | 19 June 2011, 00:30
  2. Vero. E infatti me lo godo tutto il riposo.

    Posted by pinoscaccia | 19 June 2011, 00:38
  3. La vita è strana!

    Gabbià te leggo e me riconzolo. Da l’anno 2006 che decisi de falla finita dopo ‘na vita de sacrifici e de lavoro . Me so’ detta: sora Fra’ tira giù ste maniche, basta co’ er lavoro, basta de fa’ er padre e la madre, mo che so finiti tutti l’impegni co’ le sore banche, venne’ quarche mattone e vatte a gode’ la vita.
    Passano li giorni e piano piano me resi conto, che su l’arberi invece de spunta’ li frutti: le pere, le mele, le cerase…spuntaveno ner prato e su le fronne frutti esotici strani. Presi sti frutti, li misi drento ‘n canestro e piano piano me resi conto, che principiava ‘n antro lavoro.
    ‘N lavoro difficile, listesso de trovamme drénto ‘na giungla.
    La sòra crisi s’ affacciava a la porta de casa,li mattoni costavano più der mutuo, nun se vennevano, ma se svennevano, co’ la penzione nun bastaveno pe’ paga e sistema’ tutte le vare situazzioni.
    Mo so’ quatt’anni che lavoro pe’ sta appresso a ste situazzioni.
    Ho svennuto ‘n po’ de mattoni e pe’ sta appresso a tutte le bollette che m’ariveno è ‘n impresa da vero certosino. Nun so’ sicura quello che me capiterà dimani. Sai che te dico Gabbià, che la sora commaraccia, drénto er letto nun me ce trova. Mo c’ho solo la notte, pe’ vive la vita che m’è rimasta.

    Quanno er ggiorno
    smetto de lavorà
    scappo da la puzza de la città
    e vado a cerca’ l’aria co’ le stelle.

    Me metto a fa la morta a galla
    drénto ‘na pozza d’ acqua calla
    eppoi me rinfresso drénto
    ‘na pozza d’acqua fresca.

    Sento er canto de le fronne
    accompagnato da le raganelle
    me ninnamo e piano piano
    e li penzieri sorteno de fòra.

    Me sento leggera leggera
    respiro profonno l’odore de lo zorfo
    qui che principio a rinasce
    e me nisconno e vago ner celo.

    Riscenno risargo conto le stelle
    drénto ‘na nuvolata de vapore
    me sembra de vola’e listesso
    li regazzini appresso a l’aquiloni.

    franca bassi

    Posted by ceglie | 19 June 2011, 05:27
  4. Gabbia’ godete la vita e pija più che poi te lo meriti.
    Ringrazzio Gesucristo pe’ avemme dato la salute. Pe sti du mattoni che me so rimasti, chi se ne frega, se li pijassero puro, so duri da magna’. Puro se c’ho li denti boni, me servorno pe’ sorride a la vita.
    ‘N caro saluto a tutta la torre.
    Tu sei fortunato e c’hai er vento der mare drénto casa, poi fa vola’ l’aquiloni ner celo ar tramonto.

    I miei aquiloni

    Presto li porterò a volare
    giù per la valle e sui monti
    il miei aquiloni di carta colorata.
    Tornerò con loro bambina.

    Aspetterò il vento
    che arriva silenzioso
    dal mare e dai calanchi.
    Il motore giusto per farli volare.

    Quando la cordicella
    sarà ben tesa mi fermerò!
    I miei aquiloni colorati
    voleranno alti nel cielo per me.

    franca bassi

    Posted by ceglie | 19 June 2011, 05:44
  5. Vivi la tua vita giorno per giorno, lasciala andare così come ti piace e non avrai rimpianti. Buona domenica Gabbiano

    Posted by Ninni | 19 June 2011, 10:39
  6. Sempre vissuto giorno per giorno. E mai avuto rimpianti. Buona domenica.

    Posted by pinoscaccia | 19 June 2011, 11:06
  7. ..in una parola: I’ve gotta be me ;)))

    ( tranne che la Coca-cola… ;)))

    Posted by Sissi | 19 June 2011, 12:00
  8. Cosa sono i prodromi?
    RICERCA SU GOOGLE :
    I prodromi sono periodi caratterizzati da disturbi non psicotici nel modo di esperire la realtà e nel comportamento che precedono la comparsa dei sintomi psicotici.
    La fase prodromica della schizofrenia può essere meglio descritta come stato pre-psicotico. Sebbene l’individuo possa essere conscio dei cambiamenti, può non essere in grado di parlarne con qualcuno, o di cercare aiuto. La famiglia e gli amici possono notare le differenze dell’individuo, ma possono non essere in grado di identificare la causa. In molti casi lo stigma di disturbo mentale dissuade i giovani e le loro famiglie dal cercare aiuto in questa fase precoce.
    Dato che i prodromi vengono spesso identificati a posteriori, dopo la comparsa dei sintomi psicotici, è difficile per il medico riconoscere i pazienti che manifestino sintomi prodromici, in quanto variabili e aspecifici. Se i sintomi prodromici fossero riconosciuti in tempo, sarebbe forse possibile prevenire la progressione del disturbo mentale. Se si verificassero dei sintomi psicotici, il riconoscimento precoce della fase prodromica potrebbe rendere possibile un trattamento tempestivo.
    Le caratteristiche riscontrate nei giovani adulti in fase prodromica di schizofrenia non sono riscontrabili solo in quegli individui che svilupperanno una vera psicosi. Sono molto comuni negli adolescenti e nei giovani adulti in generale, e comprendono:
    Cambiamenti dell’umore – diffidenza, depressione, ansia, tensione, irritabilità, rabbia
    Alterazioni cognitive – strane idee, ambiguità, difficoltà di concentrazione, di attenzione e di ricordo
    Cambiamenti dell’autopercezione, della percezione degli altri, del mondo in generale
    Alterazioni fisiche e percettive – cambiamenti nel sonno e nell’alimentazione, perdita di energia, mancanza di automotivazione e di stimoli
    Le famiglie segnalano che l’individuo diventa introverso, isolato e asociale, manifesta comportamenti peculiari e non si cura della propria persona.

    Posted by pina | 19 June 2011, 14:28
  9. P:S. Non capisco il nesso con Pino ;)

    Posted by pina | 19 June 2011, 14:30
  10. Letto con attenzione: non mi riguarda neppure una virgola (dedicata all’uomo dei link che invece, in quanto uomo dei link, qualche problema deve averlo).

    Posted by pinoscaccia | 19 June 2011, 14:31
  11. A proposito.

    L’invidia è un sentimento nei confronti di un’altra persona o gruppo di persone che possiedono qualcosa (concretamente o metaforicamente) che l’invidioso non possiede (o che gli manca).Essa si caratterizza come desiderio ambivalente: di possedere ciò che gli altri possiedono, oppure che gli altri perdano quello che possiedono. L’enfasi,quindi, è sul confronto della propria situazione con quella delle persone invidiate, e non sul valore intrinseco dell’oggetto posseduto da tali persone.Si può considerare l’invidia come il peccato “opposto” alla superbia: mentre la superbia consiste in un’eccessiva considerazione di sé, l’invidia è caratterizzata da una bassa autostima e da una esagerata valutazione degli ostacoli e delle difficoltà. Spesso, infatti, il soggetto invidioso possiede delle buone qualità che possono anche essere riconosciute, ma non le considera sufficienti e si ritiene un incapace. L’invidia può avere radici molto profonde nella personalità di un soggetto. Può essere stata causata da una mancanza di affetto in passato, da un’eccessiva competitività o da dei desideri che sono stati frustrati. Essendo le cause così rilevanti, spesso è difficile per un soggetto riuscire a risolvere il proprio problema. Alla base dell’invidia c’è, generalmente, la disistima e l’incapacità di vedere le cose e gli altri prescindendo da sé stessi: in questo senso, si può affermare che l’invidioso è generalmente frustrato, ossessivo, manipolatore, con pochi scrupoli e talvolta ipocrita.

    Posted by pinoscaccia | 19 June 2011, 14:35
  12. e più ne hanno, più ne attribuiscono ad altri. Ciao Buonpomeriggio. ;)

    Posted by pina | 19 June 2011, 14:40
    • seeee per chi rovescia le carte in tavola! o tende alle proiezioni psicologiche… semmai (cioè i propri difetti li proietta su un altro, anzichè riconoscerseli molto semplicemente).
      Perchè l’invidia, come tante altre poco nobili manifestazioni, oggettivamente all’esterno Esiste… ed è molto ben evidente, anche.
      ( chiuso Ot, ma è un’altra di quelle cose, insieme all’ipocrisia, che non reggo. Ma l’ho detto, come tutte tutte tutte le piccinerie… e meschinità d’animo, che si fa ancora prima. Anche i difetti li preferisco in grande! :))) ;)))

      Posted by Sissi | 19 June 2011, 15:38
  13. ciao ;))

    Posted by pinoscaccia | 19 June 2011, 14:46
  14. Che sia una serata romantica con l’amata del momento o una folle nottata tra amici , il Sabato sera è uno dei momento di libertà per il quale vale la pena vivere ;)

    Posted by zannino francesco | 19 June 2011, 14:47
  15. Ma guarda che se è veramente una nottata folle, vale qualsiasi giorno della settimana. La libertà al mercoledì non va bene? Il sabato sera è solo uno stereotipo.

    Posted by pinoscaccia | 19 June 2011, 14:50
    • ua-ua-ua-ua-ua!! lo dicevo io, anni orsono, al mio ex………. amico! che era un borghese….. da sabato sera! ;))
      (stronza come poche ma siccome mai quanto lui…. poi da solo stonava ahahaha :)))

      Posted by Sissi | 19 June 2011, 15:00
    • Ovvio che ogni giorno della settimana va bene, ma non è un caso che uno dei più bei film della storia si intitoli “La febbre del Sabato sera” . E’ un rituale ;)
      Fosse per me ogni giorno sarebbe un Sabato , ma purtroppo ( o per fortuna ) in settimana la maggior parte dei comuni mortali lavora……

      Posted by zannino francesco | 19 June 2011, 15:37
  16. Festa può essere tutte le sere. O mai.

    Posted by pinoscaccia | 19 June 2011, 15:05
  17. …e nessun uomo civile rimpiange mai un piacere e nessun uomo incivile sa che cos’è il piacere ;)))
    (Oscar degli oscar… Wilde).

    (comunque l’invidia, parlo in generale eh, pure questo non smetterò mai di dirlo, è veramente la cosa più odiosa).

    Posted by Sissi | 19 June 2011, 15:24
  18. Con tutti questi “replica” non ci si capisce più niente. Per fortuna, non è una discussione importante.

    Posted by pinoscaccia | 19 June 2011, 15:43
  19. Francesco

    …come Pinocchio! come ti capisco… com’era? e tutte le settimane sono composte da sei giovedi ahahaha (nel paese dei balocchi…. – non il sabato, ma il giovedi perchè precursore di quella realtà futura relativa a Giove, nelle qualità della giovialità che svilupperemo – per questo rinfacciavo al mio ex l’uscita “soltanto” di sabato! :(((
    ;)))

    Posted by Sissi | 19 June 2011, 15:56
  20. ..solo che con questi chiari di luna ormai sembrano tutti lunedi….
    vabbè esco va, di giorno.

    Posted by Sissi | 19 June 2011, 16:00
  21. Attenta eh! La luce ti dovesse accecare ;)))

    Posted by pinoscaccia | 19 June 2011, 16:02
  22. mammamia non mi ci far pensare… sai che temo nella prossima vita di rinascere.. come si chiama quella cosa.. in cui non si può stare alla luce del sole? ha un nome. Ogni tanto ci penso, guarda che ‘punizione’ noooo!!! ;)))
    ma certo… me le ricordo le cene di pesce fino all’una di notte… ora invece… ni :(((
    ariciao, vedo di uscire è ;)))

    Posted by Sissi | 19 June 2011, 16:08
  23. Già strana , caro Pino, ma è meglio , ti assicuro , così; quando sono andato in pensione nel 2006, dopo 41 ininterrotti lavorativi pieni, mi sono sentito d’un tratto “disoccupato”!

    Posted by luciogialloreti | 19 June 2011, 18:28
  24. Probabilmente perchè il tuo lavoro era più “regolare”.

    Posted by pinoscaccia | 19 June 2011, 18:45
  25. [OT Terremoti Italia] In quel dell’appennino pistoiese c’è un pò da ballare questa sera, con epicentro la zona di Lizzano in Belvedere… Monitoraggio in corso, dopo la seconda scossa di Magnitudo 3.1 preceduta poche ore da da un’altra di Magnitudo 3.6 – Stay tuned.

    MORE: http://bit.ly/ki68xA

    Posted by giorgiusgam | 19 June 2011, 19:10

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: