you're reading...
libia

Aiuti, non bombe

”Ieri la Camera degli Stati Uniti ha bocciato la richiesta di Obama di fondi ulteriori per l’offensiva in Libia: il governo italiano e quelli europei dovrebbero fare lo stesso e mettere i soldi per sviluppare la democrazia, non per le bombe”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, nel corso di un convegno della Uil Polizia. ”Tutti i servizi segreti – ha spiegato Maroni – non riescono a trovare Gheddafi mentre lui gioca tranquillamente a scacchi: c’è qualcosa che non funziona e noi siamo gli unici a subire impatti negativi da questo: sono già infatti oltre 20.000 i profughi arrivati dalla Libia”. Ancora civili uccisi

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

13 thoughts on “Aiuti, non bombe

  1. Gheddafi gioca a scacchi

    Posted by pinoscaccia | 15 June 2011, 20:47
  2. Le guerre sono fatte dai potenti, lorio rischiano poco o gnente, chi ci rimette sono sempre i più deboli. Anche questo conflitto rischia di fare molte vittime, si conosce come è iniziato e non sappiamo quale sarà la fine.E Gheddafi seguiterà a giocare a scacchi.

    Posted by ceglie | 16 June 2011, 14:21
  3. Non riusciamo ad arrestare un rubagalline (cit.) italiano, come possiamo avere l’autorevolezza necessaria ad arrestare un capo di stato straniero? E poi il Ministro dell’Interno non lo dica in un convegno, lo dica in Consiglio dei Ministri, magari rivolto al Ministro della Difesa. O no?!

    Posted by Marco Alici | 16 June 2011, 15:39
  4. ….fuori si scannano e lui gioca beatamente a scacchi!!!…niente male….la dimostrazione che è ben protetto da qualcuno….

    Posted by marcello | 16 June 2011, 16:18
  5. concordo con Marco Alici…..in tutto!buonasera a tutti

    Posted by ANIMA LIBERA | 16 June 2011, 22:23
  6. @ Pino. Così, tanto per capire: ma ti sei ispirato alla Famiglia Addams per gli ultimi post?
    Uno, il petroliero ammantellato gioca a scacchi, tanto per rilassarsi per la morte dei suoi figli e di qualche inutile migliaio di ex sudditi; Pisolo nel post a destra, con un sonno da combattimento, che è due giorni immobile in foto a far polvere mentre noi fannulloni, tiriamo cinghia con la fame creativa;
    l’ intellettuale ammazzasette in Brasile, ride asserragliato e rintanato (ma libero) in albergo con i transalpini pendenti dalla sua fondina…
    e non è un film.

    Posted by Walter | 16 June 2011, 23:34
  7. Non è mica così facile… le buone notizie sono finite ;)))

    Posted by pinoscaccia | 17 June 2011, 12:41
  8. Seee… sempre colpa del destino: non avere la ruota di scorta non è colpa del destino…
    per me, ad esempio, il venerdì 17 ha sempre portato benissimo ;)))

    Posted by pinoscaccia | 17 June 2011, 14:14
  9. Anche a me.. Ma oggi per me è un GIORNO SPECIALE. davvero.

    Posted by pina | 17 June 2011, 18:19
  10. La Nato ha ammesso che giovedì vicino al centro petrolifero di Marsa el-Brega, in mano alle truppe governative, aerei alleati hanno per errore bombardato una colonna delle milizie schierate con le forze di opposizione libiche: lo si afferma in un comunicato, secondo cui dagli accertamenti effettuati è emerso che «i veicoli colpiti facevano parte di una pattuglia degli oppositori» al regime. Pur ricordando che l’episodio «è avvenuto in un’area di conflitto» tra insorti e lealisti, dove dunque era possibile una certa confusione, l’Alleanza esprime «rammarico per ogni eventuale perdita di vite umane o ferimento causati da un così malaugurato incidente». Sebbene non si tratti del primo esempio di «fuoco amico» in Libia, simili casi sono finora rimasti molto limitati.

    Posted by pinoscaccia | 19 June 2011, 14:51

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: