you're reading...
libia

E’ il sesto, esagero?

Le nascite sono sempre emozionanti, una nuova vita è sempre un evento straordinario. Quella di un figlio non ha naturalmente paragoni, ma ci sono anche altre nascite. Per chi scrive, ad esempio, vedere la luce di un nuovo libro è sempre qualcosa che stordisce. Anche chi, come me, lavora da molti anni nella comunicazione, un libro ha un significato particolare perchè è un prodotto, c’è chi dice opera, che resta. Per sempre: anche dopo di noi. Non potevo dunque non battezzare “Shabab” – si dice anche “l’ultima fatica” – insieme agli amici del blog. E’ il mio sesto libro e già questo mi sembra incredibile. Addirittura stavolta ho esagerato, con l’impegno contemporaneo di lanciare due libri, visto che “Lettere dal Don” è appena uscito, come sapete. Stasera mi è arrivata la copia della copertina, domani avrò fisicamente in mano le prime copie durante un convegno sull’immigrazione organizzato dallo stesso editore, “Il mondo digitale”. Una nuova avventura, buttata giù in pochissimo tempo (i famosi “instant book”), quando ancora la storia della rivolta in Libia non è terminata. Mi rendo conto soltanto adesso che l’importante è scriverlo. Anche se vendesse una sola copia. Avrei comunque occupato lo spazio intellettivo di una persona. Se poi riuscissi a conquistare il suo interesse avrei fatto bingo.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

21 thoughts on “E’ il sesto, esagero?

  1. E allora un grande in bocca al lupo!
    Grazie per le informazioni puntuali che ci dai, le apprezzo anche perchè senza fronzoli ed orpelli.

    Posted by giusymar | 7 June 2011, 21:05
  2. Tu sei un vero giornalista che fa e farà sempre Bingo!!

    Posted by zenaide cerrone | 7 June 2011, 21:12
  3. A livello morale, naturalmente ;)))

    Posted by pinoscaccia | 7 June 2011, 21:13
  4. Complimenti.
    (sai che preferisco l’intelletto…)

    Posted by Sissi | 7 June 2011, 22:15
  5. Se si pensa che al giorno d’ oggi fanno cassetta libri di barzellette di Francesco Totti o vademecum gastrici sul “cotto e sbranato”, si è in diritto di esagerare.
    Allora fatti sotto con questa tua nuova avventura e…in culo alla balena!

    Posted by Walter | 7 June 2011, 22:37
  6. Già.

    Posted by pinoscaccia | 7 June 2011, 22:40
  7. Che bella notizzia Gabbia’ ! Mo so’ stracca er commento pe’ dimani bona notte;)

    Posted by ceglie | 8 June 2011, 02:33
  8. Non credo tu abbia bisogno di auguri per questa tua ultima fatica ma un bel “in bocca al lupo” credo non possa mancare!

    Posted by Barba | 8 June 2011, 07:49
  9. Avere in mano una copia del proprio libro dev’essere un’emozione indescrivibile. Complimenti e in bocca al lupo.
    E… no, l’importante non è scriverlo, e nemmeno comprarlo. L’importante è leggerlo :)

    Posted by Marco Alici | 8 June 2011, 09:37
  10. grandi complimenti per il nuovo lavoro!
    ma è anche in formato e-book? (il nome dell’editore farebbe presupporre di si!)

    Posted by Elena | 8 June 2011, 10:39
  11. Per ora è solo cartaceo, ma dovrebbe presto diventare anche e-book

    Posted by pinoscaccia | 8 June 2011, 10:51
  12. Tutta la vita

    Bongiòrno Gabbia’ la copertina, l’immaggine me piace. “Shabab” – si dice anche “l’ultima fatica”. Nun è n’esaggerànza, seguita a scrive, c’hai le penne che so’ ancora bbone! Queste so’ gioje grosse de la vita e ce le doni.
    L’urtima fatica… nun me sconfinfera la parola “urtima”, a sta parola preferisco penza’ che sei ar principio de ‘na vita nova.
    Aho! pe’ noantri gabbiani nun te scorda’ che c’avemo ancora tutta la vita davanti. ;)

    Posted by ceglie | 8 June 2011, 12:28
  13. E’ sulla “fatica” che mi vien da ridere. Scrivere non è fatica, è un piacere.

    Posted by pinoscaccia | 8 June 2011, 12:58
  14. Lo so che pe’ noiantri scrive nun è fatica, anzi ce fa bene e ce riempe er còre. Eppoi Gabbia’ quanno svorti li foji lemme lemme, quasi che nun ce se crede che, li drénto ce sta la tu’ solitudine, la tu’ pavura le tu’ emozzioni. Vabbe c’è trovi la vita vera.

    Posted by ceglie | 8 June 2011, 13:23
  15. Beh, dipende.. a volte viene spontaneo e naturale, altre volte è più “spintaneo”. Forse dipende dal tema :)

    Posted by Elena | 8 June 2011, 15:10
  16. Esagerare tu ,caro Pino? Se non te lo puoi permettere tu , chi altri? Magari qualcuno con una faraonica buonuscita Rai?

    Posted by luciogialloreti | 8 June 2011, 18:58
  17. In due si viaggia meglio.. Hai fatto bene, e di sicuro anche bingooooooo!!

    Posted by mcc43 | 8 June 2011, 19:39
  18. Certo che una bella presentazione, magari dalle mie parti non nuocerebbe (Milano è diventata una buona città)… Ma se, nel frattempo, ci indichi quando possibile trovarlo, anche on line, ci portiamo avanti.

    Posted by pipistro | 10 June 2011, 16:47
  19. ;)))

    Posted by pinoscaccia | 10 June 2011, 17:46
  20. La tv di Stato libica ha trasmesso nella notte alcune immagini che mostrano il colonnello Muammar Gheddafi mentre gioca a scacchi con il presidente della Federazione internazionale di scacchi (Fide), il russo Kirsan Ilyumzhinov. Nelle immagini si vede anche il figlio maggiore di Gheddafi, Muhammad, che dirige la Federazione olimpica libica.

    Posted by pinoscaccia | 13 June 2011, 20:56

Leave a Reply to luciogialloreti Cancel reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: