you're reading...
afghanistan

Dove non si spara

A Herat le basi italiane sono due. C’è quella vera e propria, cioè il comando militare, e poi c’è il Prt che si occupa di ricostruzione e assistenza umanitaria. La seconda base sta in centro, neppure troppo difesa, perchè nessuno poteva mai immaginare che fosse attaccata visto il rapporto con la popolazione. Questa è una delle tante foto scattate durante l’ultimo viaggio. Donne afghane addirittura senza burka per l’amicizia spontanea nata con le soldatesse italiane. Al Prt non si è mai pensato a sparare, ma solo ad aiutare. Qualcuno che evidentemente non vuole la pace è entrato e ha fatto una strage. Per fortuna stavolta fra i nostri soldati non ci sono stati morti, ma solo feriti, ma è ugualmente un bruttissimo segno.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

10 thoughts on “Dove non si spara

  1. Il mio primo pensiero è andato a Franca e ai suoi “bimbi”……

    Posted by irisilvi | 30 May 2011, 14:28
  2. Bruttissimo segno e ciò conferma la mia opinione che è inutile stare ::!!

    Posted by luciogialloreti | 30 May 2011, 17:13
    • Lucio, se rileggi il titolo del post e guardi con maggiore attenzione la foto proposta da Pino, vedrai tanti buoni motivi per cui vale la pena (ma veramente) stare.
      Almeno lì, dove il Contingente italiano, nel contesto dove è avvenuto l’ attentato, costruiva qualcosa di positivo come poche volte succede.
      Poi, per carità, ugnuno si fa la sua rispettabile opinione sui fatti del mondo.

      Posted by Walter | 30 May 2011, 17:34
  3. Ci sono dei volti di donna e di bimbi bellissimi….

    Posted by irisilvi | 30 May 2011, 17:37
  4. PAKISTAN: SCOMPARSO A ISLAMABAD GIORNALISTA AKI-ADNKRONOS

    …Di lui non si hanno piu’ notizie da domenica sera…

    MORE: http://bit.ly/lm0u5s

    Posted by giorgius | 30 May 2011, 18:34
  5. Dopo ogni attentato,invece di essere “incavolata” con i miei “bimbi in divisa”…li amo di più.

    Posted by franca | 30 May 2011, 18:52
  6. E fai benissimo.

    Posted by pinoscaccia | 30 May 2011, 18:57
  7. Le condizioni del capitano ferito ieri nell’attentato al Prt italiano di Herat 1 “si sono aggravate nella notte e attualmente è ancora seriamente in pericolo di vita”. Lo ha detto alla Camera il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, aggiungendo che “se ne sta organizzando il rientro in Italia”. Si tratta del trentenne lucano Gennaro Masino, di Paterno (Potenza), appartenente alla brigata Ariete e partito per l’Afghanistan nel marzo scorso. Le condizioni degli altri quattro feriti non sono gravi.

    Posted by pinoscaccia | 31 May 2011, 21:43
  8. Speriamo che il suo rientro a casa non sia infelice , speriamo che piano piano ritorni alla vita.

    Posted by ceglie | 31 May 2011, 21:59
  9. Gabbiano, questa mattina sono tornata a guardare la tua immagine. Sono bellissime queste donne con il manto celeste ripiegato all’indietro, hanno il volto della maternità.ciao

    Posted by ceglie | 2 June 2011, 11:17

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: