you're reading...
amarcord

Cose mai viste

Lo scanner nuovo mi ha scatenato nella ricerca delle foto non digitali. Le sorprese sono state tante, per esempio questa. Immagine curiosissima: con Rosanna Vaudetti presento in un’estate di fine anni ’80 la Contesa dello Stivale a Filottrano, nelle Marche, un tuffo magico nel ‘500. Dovrei vergognarmene, acconciato così, e invece ho nostalgia di quei tempi, rifugiato negli splendidi paesini medioevali. Andare indietro con la memoria, di questi tempi, è quasi un toccasana. (Non mi sono fatto mancare niente. Ok, adesso ridete pure).

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

34 thoughts on “Cose mai viste

  1. Vista l’ora non si puo’ che trattenersi…….

    Posted by irisilvi | 29 May 2011, 00:44
  2. ambè ;)))

    Posted by pinoscaccia | 29 May 2011, 00:54
  3. Avevate pure i microfoni in tinta!!!!! Vabbè ,buonanotte suonatori e pure ai presentatori ! :)

    Posted by irisilvi | 29 May 2011, 01:05
  4. BEllissimo!!

    Posted by minz | 29 May 2011, 08:34
  5. Che scandalo! :-)

    Posted by Walter | 29 May 2011, 10:20
  6. Gabbia’, st’immaggine ner repertorio me mancava.
    Certo che me faccio ‘na risata, puro de còre e de panza.
    Meno male, sinnò qui a forza de piagne, dovemo strizzà le palle dell’occhi pe’ le lagrime che ce so’.(listesso le donne co’ li lenzoli)
    Sei ‘n ber giuvenòtto capellone e quanno piji er zole te colori listesso er sor Obama.
    Aho Gabbia’, è bbello annà dereto ner tempo lo faccio sempre. Spesso m’ ‘ncontro co’ er sor Marco Antonio ner 54 a.C. quanno me vedé gironnola pe’ l’oriente me blocca! E me ricconta le su’ battàje, lo sai che da giuvenòtto è stato capace da spenne 250 talenti?
    Vabbè rega oggi e Dimenica famo li bbravi, prima che quarche furmine ce pija su la capoccia;)

    Posted by ceglie | 29 May 2011, 10:23
  7. Gabbia’ mo ce faccio caso, c’hai puro l’abbito de la Roma;) Me sbajo o me sembra che sei Lazziale?

    Posted by ceglie | 29 May 2011, 10:27
  8. Buongiorno Gabbiano…”principe giallorosso”.
    PS ma vai sempre dallo stesso parrucchiere? :D

    Posted by franca | 29 May 2011, 10:55
  9. no, questo attuale è fissato con le “mesce” grigie, non so perchè…

    Posted by pinoscaccia | 29 May 2011, 10:58
  10. Questa foto sembra più raffigurare un “Padre San Pino da Filottrano” più che di un un nobile del ‘500, con occhiali moderni (dell’epoca)… :-D ;-)

    Posted by giorgius | 29 May 2011, 11:03
  11. se me li toglievo andavo a sbattere…. (del resto nel ‘500 mica esistevano le lenti a contatto….)

    Posted by pinoscaccia | 29 May 2011, 11:07
  12. L’omo co’ er capello brizzolato, intriga le regazzette.Vabbé mo me ritiro pe’ quarch’ ora, m’aspettano le fettuccine all’ovo, (fatte da me co’ er sugo de cignale) se volete favorì, basta che dite de no! anzi virtualmente anche si! ;)

    Posted by ceglie | 29 May 2011, 11:08
  13. ;)))

    Posted by pinoscaccia | 29 May 2011, 11:09
  14. Pino ,meches please ;)
    e mesce ce stanno solo a rroma

    Posted by irisilvi | 29 May 2011, 11:13
  15. “Mesce” è in italiano. “Meches” è un francesismo. Preferisco l’italiano.

    Posted by pinoscaccia | 29 May 2011, 11:17
  16. Ahahahhhh ok d’ora in poi saranno le mesce……

    Posted by irisilvi | 29 May 2011, 11:19
  17. Sono bellissimi ricordi , caro PIno, e momenti particolari ed originali su cui nulla è da ridere!

    Posted by luciogialloreti | 29 May 2011, 11:23
  18. Bel momento! ma eri abbronzato o “nero nero”?

    Posted by zenaide cerrone | 29 May 2011, 16:25
  19. Le penne der Gabbiano, so’ cacio e pepe naturali, e so’ li capelli mejo. A roma se dice: “me vado a tigne li capelli”. La mesce è quela der sor Malgioglio. Aho! ce lo vedete er Gabbiano co’ er ciuffo colorato, co’ l’occhiali rossi la cravatta sfiorettata?
    Vabbè è mejo che freno, sinnò er Gabbiano me caccia dar brogghe;)

    Posted by ceglie | 29 May 2011, 17:24
  20. Ma daje Gabbia’ è caruccio co’ quer ciuffo! pe’ sta vorta te sei sarvato, nun so’ bbona a posta l’immaggini, senno ‘n collage a la Malgioglio nu te sarvavi.

    Posted by ceglie | 29 May 2011, 17:51
  21. menomale…

    Posted by pinoscaccia | 29 May 2011, 17:55
  22. Gabbia’ ma l’occhiali rossi mica te stanno male;)

    Posted by ceglie | 29 May 2011, 18:37
  23. Sembra siciliano? 23 cromosomi ” lava DOC dell’Etna”. ;-)

    Posted by franca | 29 May 2011, 19:40
  24. guardate quella mascalzona di ceglie cosa mi ha dedicato … mica ho paura di pubbblicarla ;))) titolo: il ciuffo

    Posted by pinoscaccia | 29 May 2011, 19:41
  25. “Er ciuffo der Gabbiano” vabbè te perdono! Mo scappo sinno me se fredda l’acqua;)ciao a tutta la torre

    Posted by ceglie | 30 May 2011, 08:19
  26. Sarà che ormai ci sono abituato (http://www.igiornidiazzolino.it/manifestazione.htm), ma non ci trovo proprio niente da ridere. Queste manifestazioni, da queste parti, sono prese molto sul serio, la cura del dettaglio storico è un punto di orgoglio per chi prepara e per chi partecipa, anche perché il risultato spesso è molto realistico e sembra davvero di immergersi nel passato. Farebbe ben più ridere piombare nel ‘500 in giacca e cravatta, no?!

    Posted by MarcoA | 30 May 2011, 08:57
  27. Infatti come vedi dalla foto io l’ho presa serissimamente.

    Posted by pinoscaccia | 30 May 2011, 09:40
  28. ….cosa non farebbero gli uomini per far colpo sulle donne…non l’avrei mai detto…..

    Posted by marcello | 30 May 2011, 17:50

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: