you're reading...
il segno dei tempi

Addio vecchia cabina

Addio alle vecchie cabine telefoniche. Nell’era dei cellulari, degli smartphone, di internet, il loro destino sembra essere segnato. Infatti, una delibera dell’Agcom (pubblicata nella gazzetta ufficiale numero 77 del 2 gennaio 2010) ha autorizzato Telecom italia a rimuovere i telefoni pubblici ‘in eccesso’: saranno ‘risparmiati’ solo quelli presenti negli ospedali, nelle scuole e nelle caserme.

E’ il progresso, bellezza. Con tre cellulari a testa chi si ferma in un cabina per telefonare? Ricordo il dramma delle saccocciate di gettoni, quand’ero un giovane cronista, la fila ad arrivare per primo a dettare il pezzo, e poi per fortuna le schede meno pesanti. Attaccato come sono al blackberry figuratevi se posso avere nostalgia. Però, ripensando a quei tempi che tutti ritenevamo scomodi, vien quasi da rimpiangerli quando i cafoni ti riempiono di parole che non ti appartengono e ricevi chiamate nei momenti meno opportuni. Per non parlare del mio lavoro: è più facile telefonare, ma disgraziatamente è anche più facile ricevere. Insomma, la cabina che sparisce è il segno più tangibile del villaggio globale. Non so perchè ma mi viene in mente quel film di Hitchcock, con il vetro spaccato dagli uccelli. Adesso non mi mette più paura. fonte

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

10 thoughts on “Addio vecchia cabina

  1. Pero’ ,una foto della cabina con il suo bel cartello di rimozione,ci starebbe.Anche questo segno e testimonianza del tempo che fu.Da noi non ho ancora visto nulla ,sebbene ne avessi sentito parlare.Da parte mia non manchero’ di farla.
    Stai bene con il ciuffo biondo,la mesce,credo che Malgioglio chiedera’ i diritti.

    Posted by irisilvi | 29 May 2011, 23:03
  2. In alcuni posti, non ci sono più da tempo.
    Se le sono fregate per montarle come cabina doccia, in case rigorosamente abusive.
    Ma il telefono sta ancora lì.

    Posted by Walter | 30 May 2011, 00:10
  3. E mo come faccio, er telefonino ancora non lo vojo.Quarche anno indietro me so’ fermata pe’ fa’ benziana, ho chisto li gettoni e la signorina s’è messa a ride e ma detto “A signo’ quelli nun ce so’ più, mica semo a la preistoria!” Me dispice, me piaceva sapè che se volevo chiama’ quarcheduno lo potevo fa’. Vabbè rinuncio puro a la gabina, tanto campo uguale.
    Mo vado a prenne er sole, me metto a mollo a le terme e scrivo co’ la fantasia a la sora gabina “SIP” Me riccomanno state bboni!;)

    Posted by ceglie | 30 May 2011, 08:16
  4. OT: Attaccata base italiana ad Herat.

    Posted by Barba | 30 May 2011, 11:07
  5. Non vorrei sbagliarmi, ma in Francia sono state riutilizzate come postazioni multiuso, dotate anche di Internet; in particolare, quelle del centro, che così offrono servizi ai turisti…

    Posted by Marcello | 30 May 2011, 12:15
  6. E’ morto Biagio Agnes.Probabilmente un “cronista” di tuo riferimento,qualcuno che mai ha dimenticato di esserlo.

    Posted by irisilvi | 30 May 2011, 12:28
  7. Che strano, ancora non sono riuscita a ritirare i libri ordinati a la Feltrinelli. Come mai tanto tempo?

    Posted by ceglie | 2 June 2011, 11:20
  8. Ciao,siamo l redazione di Uniroma tv, Visto il tema del tuo blog credo ti possa interessare il servizio da noi realizzato sull’opinione degli italiani circa lo smantellamento delle cabine telefoniche.
    http://www.uniroma.tv/?id=18924
    Ciao!
    A presto!

    Posted by uniroma tv | 7 June 2011, 12:22

Trackbacks/Pingbacks

  1. Pingback: IL FRANCOBOLLO INSEGNA 3 e aiuta a ricordare « Quarchedundepegi's Blog - 4 June 2011

  2. Pingback: IL FRANCOBOLLO INSEGNA e aiuta a ricordare (di Quarchedundepegi) « Scelti per voi - 6 June 2011

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: