you're reading...
reporter

Oriana e la nuvola nera

Questa foto è inedita, come in gran parte è inedita l’intervista che feci ad Oriana Fallaci diciannove anni fa a Dahran e che andrà in onda stasera su Raiuno (ore 23.40) nello speciale Tg1 dedicato alla grande giornalista e scrittrice. La incontrai in Arabia Saudita in quel crocevia di cronisti che andavano a scoprire il Kuwait appena liberato: lei ne era appena tornata, io ci stavo andando. E’ un’intervista importante non solo perchè Oriana è morta e tutto quello che le appartiene è ormai un patrimonio, ma perchè in quell’intervista mi parlò soprattutto della sua grande paura, quella nuvola nera (prodotta dai pozzi di petrolio che bruciavano) che più tardi indicò come causa del tumore e quindi della sua morte. L’intervista la vedrete stasera. Qui vorrei proporvi una chicca: il mio primo reportage da Kuwait city proprio  con la nuvola nera protagonista: Tg1 delle 13.30, marzo 1991.


E’ un servizio in qualche maniera “storico” che Blob ha ripreso più volte. Eravamo arrivati di notte, stravolti dal viaggio. La mattina dopo mi sveglio tardi, guardo fuori la finestra: è buio. In realtà erano già le 11. Franco Ceccarelli, compagno di viaggio insieme a Paolo Casini, prende la telecamera e mi fa: “dai corriamo fuori”. Sfruttando l’unica luce disponibile in tutta la città, la scritta dell’hotel Intercontinental, prendo il microfono e vado a braccio. “…quello che vedete lassù è il sole, non è la luna”.

L’ho conosciuta a Darhan, in Arabia Saudita. Un tipaccio, da trattare con le molle. Il mio direttore di allora, Vespa, mi aveva chiesto di intervistarla. Le sono stato dietro tre giorni, una donna impossibile. A tal punto che chiamai Vespa e gli dissi: “Mi dispiace, rinuncio”. Lo dissi anche lei: cara Oriana, vai a quel paese, l’intervista non mi interessa più. Cambiò improvvisamente: dal giorno dopo fu lei a inseguire me. A quel punto era lei che me la chiedeva. Il dramma fu quando ci mettemmo d’accordo. Pretendeva le domande, pretendeva il posto dell’intervista, i tempi, tutto. Nuova litigata. Finalmente la feci. Bella. Parlò con il cuore. Parlò dei pozzi di petrolio che bruciavano in Kuwait. Ricordo bene le parole: “Non pensavo mai di poter avere paura di una nuvola. Chissà cosa abbiamo respirato, cosa abbiamo dentro”. Sapeva che stavo andando in Kuwait, mi scrisse una dedica che poi attaccai al suo libro “Inshallah”.  Scrisse: “Ti auguro di trovare tutto quello che io non ho trovato e di non trovare quello che io ho trovato”. In mezzo ai pozzi ci rimase una giornata, io un mese e mezzo. Sono passati tanti anni da allora che ormai posso dire, ringraziando Iddio, che io ho respirato la stessa nuvola ma non ho trovato quello che lei ha trovato. Una donna sola. La ricordo così. Forse arrabbiata perchè sola. Adesso che è morta mi manca. Con lei non ero d’accordo su niente, ma ho sempre amato i cani sciolti, specie quando lo fanno a viso aperto. 27 novembre 2006


About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

35 thoughts on “Oriana e la nuvola nera

  1. Davvero da non perdere!

    Posted by Balente | 24 October 2010, 16:31
  2. «Adesso che è morta mi manca. Con lei non ero d’accordo su niente, ma ho sempre amato i cani sciolti, specie quando lo fanno a viso aperto»

    Manca a molti. Molti non erano d’accordo con lei ma la sapevano apprezzare per il coraggio che ha sempre avuto nel dire le cose, anche le più scomode. Molti l’amamvano proprio perché dalla sua bocca uscivano parole che pochi avrebbero avuto il coraggio di pronunciare ma che molti avevano nel cuore.

    A me manca. Ed ero d’accordo con lei su tutto.

    Grazie per l’intervista che trasmetterete stasera. Non me la perderò.

    Posted by marisamoles | 24 October 2010, 16:36
  3. Non me la perderò! Grazie

    Posted by vanessabenetton | 24 October 2010, 18:03
  4. E’ molto probabile che la vera causa del tumore che l’ha uccisa sia proprio questa: occorrerebbe fare delle ricerche in ambienti sanitari locali e vedere quante neoplasie ed affezioni croniche all’apparato respiratorio si sono verificate.
    sicuramente saranno superiori alla media statistica…

    Un caro saluto

    Posted by Enzo Cumpostu, Nuoro | 24 October 2010, 19:34
  5. Non si possono fare confronti, perchè ogni fisico reagisce in maniera diversa, ma Oriana non poteva lasciarsi sfuggire l’occasione di una morte “sui generis”, morire per una nuvola nera sembra quasi il titolo di un romanzo.
    Incidentalmente, lei è stata in mezzo ai pozzi che bruciavano tre giorni, noi quaranta.

    Posted by pinoscaccia | 24 October 2010, 20:01
  6. Aspettando lo speciale TG1, mi guarderò il tuo servizio.lascio i commenti a dopo.

    Posted by barbara brunati | 24 October 2010, 22:02
  7. Gabbiano…come sei (eri?) giovincello.

    Posted by franca | 24 October 2010, 23:46
  8. già….
    tra poco andrà in onda seconda parte intervista

    Posted by pinoscaccia | 24 October 2010, 23:54
  9. ecco, passata anche la seconda parte

    Posted by pinoscaccia | 25 October 2010, 00:35
  10. Bello questo omaggio a Oriana Fallaci.Amara e triste la vicenda eredità tra fratelli…

    Posted by franca | 25 October 2010, 00:51
  11. Bellissimo questo ricordo della Fallaci,bellissimo e amaro
    Amaro il ricordo della sorella che molto semplicemente, ne ha fatto un ritratto reale non idealizzato.Probabilmente sarebbe stato molto facile ,invece raccontava se stessa e tutta una vita ,pure familiare ,attraverso la vita della sorella.
    Reale ,intensa e passionale .E’ cio’ che passa attraverso la lettura dei suoi libri.Chissa’ se veramente ha amato solo il suo lavoro ,il suo ego ,come racconta Paola Fallaci certo è che InQuelMondoDiSquali lei era riuscita a fare l’inviato di guerra .
    Il suo carattere si scopre in quelle parti di intervista che avete fatto passare :da tenera irritazione.

    Posted by silvi | 25 October 2010, 09:17
  12. ho ripescato solo alcuni dei tanti “fuori onda” dove oriana era appunto totalmente oriana

    Posted by pinoscaccia | 25 October 2010, 10:44
  13. Oriana Fallaci era cos’ ì com’ era. Un personaggio coerente e burbero. Prendere o lasciare. Complimenti Pino, ti si invidia (in senso buono) l’ averla conosciuta.
    Ad una presentazione del suo ultimo libro, da un gruppo di ragazzi dei centri sociali, che la contestava aspramente è stato detto: -“A Orià! Te venga un cancro!”- Lei, nel sedersi e senza scomporsi disse loro: -” Mi dispiace per voi, ma siete in ritardo.”

    Posted by Walter | 25 October 2010, 13:12
  14. mammamia… questa non la immaginavo proprio. L’odio per chi la pensa diversamente è una cosa veramente odiosa. Brava lei nella risposta composta, ma infatti ce l’ha anche sul viso l’espressione scanzonata e ‘provocatoria’ nel senso di chi se ne frega altamente proprio, un po’ ironica… e mi piace molto. Io intervengo approssimativamente solo per dire che mi è piaciuto lo Special, a tratti malinconico e dolce, e che in altri momenti trasmette così bene il suo coraggio e la sua libertà… – da N.Y. alla Toscana… al fronte di guerra… sì, al di là che la si condivida o meno è una Donna con la maiuscola. Purtroppo non ho letto neanche uno dei suoi libri:(( – brutto a dirsi, ma è così – quindi parlo solo per sensazioni, ma mi piacerebbe molto che ne parlaste voi, insomma chi la conosce meglio, spiegandomi perchè fosse così amata o odiata. A me dà l’idea di una vera passionale. Anche se molto di testa, sì, quelle donne che sono tra “pancia e testa” come si suol dire, un po’ meno di sentimento… ma o molto passionale… o molto intellettuale. Volitiva, coraggiosa. Bè, del resto non sarebbe diventata Oriana Fallaci, naturalmente. E poi mi è rimasta impressa pure la sorella – donna tenerissima – quando, parlando del suo amore… descritto in “Un Uomo”, ha detto: ma l’ha mai amato? Ha mai davvero amato qualcuno? Che domanda affascinante…sì, rimane un’enigmatica… “primadonna” come l’ha definita MarisaMoles.

    Posted by Sissi | 25 October 2010, 13:39
  15. (ma anche una Donna che ha Cercato molto… nel suo percorso di giornalista e scrittrice, si sente questo, essendosi dedicata anima e corpo al suo lavoro. La passionalità… sempre).
    – a mio parere, cioè a sensazioni eh! dallo Speciale però, ripeto –

    Posted by Sissi | 25 October 2010, 14:16
    • Scusa, Pino, ma il link non funziona. Sono due giorni che tento e mi dà sempre “impossibile visualizzare la pagina”. Ho anche provato ad entrare nel sito del Tg1 ma il risultato è lo stesso.
      C’è qualcosa che non va o sono io la più sfigata?

      Posted by marisamoles | 26 October 2010, 16:12
  16. Marisa non so che dirti ma il link funziona, l’ho appena riprovato.

    http://www.tg1.rai.it/dl/tg1/2010/rubriche/ContentItem-9b79c397-b248-4c03-a297-68b4b666e0a5.html

    Posted by pinoscaccia | 26 October 2010, 16:25
  17. l’ho gia messo io il link dello speciale sul tuo blog: e si vede benissimo

    Posted by pinoscaccia | 26 October 2010, 16:52
  18. bella intervista! Oriana Fallaci manca a tutti noi. Chissà cosa avrebbe detto oggi del modo di fare informazione. Al di là di come la si pensi…era una giornalista fuori dal coro. Diciamo, un cane sciolto. E mancano persone così. Grazie Pino x lo speciale sul tg1!

    Posted by anna | 26 October 2010, 17:07
  19. ho seguito la tua intervista e me la voglio riguardare meglio perché vedere due dei miei modelli insieme non è certo da tutti i giorni :-) In particolare, sono rimasta colpita dalla risposta che Oriana diede alla domanda sulla paura.Avrò modo di approfondire (anzi, scusa se lo faccio a rate…)

    Posted by barbara brunati | 30 October 2010, 18:22
  20. qui stiamo…e chi si muove ;))

    Posted by pinoscaccia | 30 October 2010, 19:04
  21. Che uomo fortunato sei Pino. Hai conosciuto delle persone grandiose.

    Posted by Maria Carrozzo | 19 May 2013, 22:30

Trackbacks/Pingbacks

  1. Pingback: SPECIALE TG1 DEL 24 OTTOBRE 2010 SU ORIANA FALLACI « Marisa Moles's Weblog - 24 October 2010

  2. Pingback: La mia giornata con Pino Scaccia « poeticamenteme - 30 March 2012

  3. Pingback: Urbini | tiro al reporter - 31 March 2012

  4. Pingback: Un mestiere che s’impara a bottega « La Torre di Babele - 31 March 2012

  5. Pingback: Un mestiere che s’impara a bottega « Professione Reporter - 31 March 2012

  6. Pingback: Una vita da inviato | - 23 June 2013

  7. Pingback: Kuwait | - 19 July 2013

  8. Pingback: .fallaci | - 1 August 2013

Leave a Reply to anna Cancel reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: